Multilanguage website

Italian Danish Dutch English French German Greek Icelandic Irish Maltese Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish

Articoli e scritti sugli alberi nelle città, problematiche, tutela e valorizzazione.

La storica Roverella pescarese è salva per ora. Pronti a trovare progetto alternativo per la sua salvaguardia.

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

La storica Roverella pescarese è salva per ora.

Pronti a trovare progetto alternativo per la sua salvaguardia.

 

Querce1

 

Dopo una mattina ad altissima tensione in Strada delle Fornaci a Pescara, si torna a ragionare sulla salvezza della grande Roverella minacciata di abbattimento. Stamattina un'operazione in grande stile del Comune di Pescara ha colto di sorpresa residenti e associazioni: cestello, operai armati di motosega, tutto pronto per l'eliminazione dell'albero. Grande spiegamento di forze della polizia municipale. Pescara ancora una volta diventa teatro di tensione urbana per la salvezza di alberi di pregio con un nuovo violento scontro tra Amministrazione Comunale, cittadini e associazioni. Tensione alle stelle quando un residente è salito sull'albero per fermare il taglio in corso. Azione eclatante e coraggiosa che ha evitato l'abbattimento e il ritiro immediato degli operai. 
Nel primo pomeriggio una delegazione di associazioni e residenti è riuscita ad avere un incontro con il Vicesindaco e il RUP riuscendo a raggiungere un accordo: interruzione dei lavori per i prossimi giorni e presentazione di proposte alternative entro lunedì. Finalmente si torna a un minimo di dialogo! 
Sempre nel pomeriggio,abbiamo inviato PEC a Comune e Carabinieri Forestali Abruzzo con schede di segnalazione monumentalità delle due querce pescaresi. Valore ecologico, valore paesaggistico e valore storico-culturale. Occorre ricordare che oltre alla dimensione del tronco ci sono molti altri parametri che rendono una pianta pregevole di tutela. In questo caso, come spiega il Prof. Tammaro, già ordinario di Botanico presso l'Università dell'Aquila, "Sia le querce monumentali che l'alloro arboreo di Via delle Fornaci sono le relitte testimonianze di vegetazioni forestali dei querceti collinari che dal soprastante colle discendevano verso la pianura planiziaria che si sviluppavano a ridosso delle pinete litoranee nella successione ecologica che attualmente non trova più testimonianze. L'alloro, specie tipicamente umbrofila era l'essenza che trovava le condizioni ecologiche nel sottobosco. Le querce e l'alloro di questa zona, sono pertanto come frammenti di un "vaso antico"; oltre a essere preziosi per la loro biodiversità floristica, testimoniano di questi ecosistemi forestali collinari perduti ed ormai solo "archeologicamente" rintracciabili.Si propone che vengano salvate tutte le plantule germinate sotto la grande quercia e che siano ripiantate nella varie aree collinari e negli spazi incolti della Città (distanti dal litorale) in modo da conservare diffondere il suo germoplasma."
Intanto, nel tardo pomeriggio la Natura ha scatenato tutta la sua potenza in favore delle querce, con fulmini, tuoni e pioggia a volontà. Sicuramente un modo per dimostrarci che siamo ospiti e non dominatori su questa terra. Le grandi querce pescaresi ringraziano i cittadini amanti della natura e si godono questo bel temporale che le renderà ancora più lussureggianti. 

PinExt
Share

La grande quercia condannata. Il Comune di Pescara si lava la coscienza annunciando la messa a dimora di 8 nuovi alberelli come misura compensativa.

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

La grande quercia condannata.

Il Comune di Pescara si lava la coscienza annunciando la messa a dimora di 8 nuovi alberelli come misura compensativa.

 

Querce1

 

Il Comune di Pescara riga dritto verso l'abbattimento della grande Quercia di Strada delle Fornaci. E sono tutti inamovibili annunciando comunque misure compensative per salvare la faccia. A quanto pare, secondo il comune, non esistono soluzioni per salvare anche il secondo albero e cambiare il progetto di allargamento della strada nel pieno di rispetto di esemplari arborei di pregio e anti-inquinamento. Ecco quanto scritto nel comunicato stampa del Comune che ho ricevuto:

"sono state previste opportune misure compensative consistenti nella messa a dimora di un totale di otto nuovi alberi di cui n° 4 QUERCUS ROBUR, della circonferenza misurata a m. 1.30 di 18-20 cm. con garanzia di attecchimento per n° 2 cicli vegetativi, n° 2 PYRUS della circonferenza misurata a m. 1.30 di 18-20 cm. con garanzia di attecchimento per n° 2 cicli vegetativi e n° 2 FRASSINO della circonferenza misurata a m. 1.30 di 18-20 cm con garanzia di attecchimento per n° 2 cicli vegetativi."

Della serie: 8 alberelli da vivaio possono produrre in pochissimo tempo gli stessi servizi ecosistemici che una bellissima roverella di 80 anni produce in questo quartiere di Pescara da sempre? Secondo il Comune a quanto pare si può!

Il valore "ecologico" di una Roverella di queste dimensioni è talmente alto che non basterebbero neanche 50 alberi per rimpiazzarlo.

1) Abbattimento dell'Isola di Calore Urbano: sotto una roverella si sta freschi durante la canicola estiva, con temperature anche di 5 gradi in meno rispetto alle aree cementificate. Questo perchè la Roverella è tra le specie arboree di prima grandezza con la migliore capacità di creare ombra, grazie alla densità della sua chioma che diventa un potente filtro contro i raggi solari.

2) Eccellente eliminazione della C02: la roverella è uno degli alberi che in città riesce a captare ingenti quantità di Anidride Carbonica. Secondo recenti studi circa 185 kg di CO2 ogni anno.

3) Eccellente captazione del particolato atmosferico: la roverella è tra i migliori alberi anti-inquinamento, in grado di purificare l'aria di interi quartieri cittadini, vista la densità della massa fotosintetica e la sua resistenza alle malattie e longevità.

4) Eccellente albero habitat per avifauna e mammiferi: è uno degli alberi che ospita la maggior concentrazione di avifauna oltre a essere riparo di mammiferi e altri animali selvatici.

5) Albero sacro da millenni: la roverella è un grande albero da sempre circondato da sacralità e venerazione, sin dall'antichità, quando era l'albero di Zeus, l'albero dei miti e delle leggende, l'albero della forza e della virilità, l'albero della tradizione contadina, l'albero simbolo del nostro Abruzzo agreste e dei nostri paesaggi mediterranei e italici.

6) Albero longevo e resistente: la roverella resiste a tutto, è un albero longevo che può vivere fino a 2000 anni e oltre. La roverella di Pescara condannata a morte potremmo definirla in età adolescenziale, giovanissima e in piena vigoria.

7) La quercia di Pescara è nata da seme e non è un prodotto di allevamento da vivaio. E' una varietà antica, ultimo retaggio degli antichi boschi di roverelle delle colline pescaresi. E questo rende questi alberi preziosissimi sotto l'aspetto ecologico e paesaggistico. Inoltre sappiamo tutti come la Quercia sia un albero molto lento a crescere. Per diventare maestoso impiega decenni se non secoli.

Concludendo, speriamo ancora che il Comune di Pescara capisca che abbattere Querce per allargare le strade non è un solido investimento per la salute dei cittadini e per la valorizzazione dei paesaggi pescaresi.

Alberto Colazilli

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Querce storiche a rischio di abbattimento a Pescara. Ancora un assalto contro gli ultimi paesaggi agresti pescaresi

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

Querce storiche a rischio di abbattimento a Pescara.

Ancora un assalto contro gli ultimi paesaggi agresti pescaresi

 

Querce1

 

La sacralità della quercia è riconosciuta sin dall'antichità, quando questo grandioso albero, forte, resistente e potente era simbolo di Zeus, il signore degli dei dell'Olimpo.
Quercus pubescens, un albero che può superare i 500 anni di età se lasciato in pace. Crescita lenta, legno duro e pregiato, resistenza eccellente alle più disparate malattie. Ha un unico nemico e si chiama "uomo".
Strada delle Fornaci a Pescara, un tempo ricca di querce secolari, oggi spogliata del suo fascino verde e divorata dalla cementificazione. In prossimità dell'incrocio con la Statale Adriatica, ecco comparire, nel cancro del cemento degli ultimi 40 anni, due splendidi esemplari di Roverella di circa 80-90 anni. Siamo in uno degli ultimi baluardi del paesaggio agreste pescarese ormai scomparso per sempre. Un bastione di resistenza verde dove le due querce impreziosiscono questo quartiere di Pescara che altrimenti sarebbe nuova squallida periferia. Ma in Comune nessuno riesce ad accorgersi della sacralità di questi due alberi.

La quercia è l'albero caratterizzante le campagne della nostra regione, tra gli esemplari arborei più celebrati e protetti della nostra cultura contadina. In questo caso, su Strada delle Fornaci, le querce devono essere spazzate via per un rifacimento della strada ed eliminare tutti i problemi di viabilità. In realtà nessuno si è messo in mente di trovare alternative a un progetto che cancellerebbe uno degli ultimi paesaggi verdi pescaresi.

La dignità di tanti cittadini e residenti impegnati nella raccolta firme si scontra lo scaricabarile e l'indifferenza dell'Amministrazione Comunale che non vuole arrivare a una soluzione politica del problema e con vuole ascoltare le richieste dei tanti amanti degli alberi. E poi ci sono le associazioni di protezione ambientale presenti sulla barricata: Italia Nostra, Pro Natura, Conalpa Onlus, Ecostituto Abruzzo, Miladonnambiente. Noi cerchiamo un dialogo, vogliamo trovare una soluzione intelligente, aprire un tavolo tecnico di discussione per salvare le querce. E' stressante e logorante barcamenarsi nei meandri della politica pescarese dove la mancanza di dialogo con prese di posizione inamovibili dell' Amministrazione Comunale rende il problema ancora più ostico e intricato. 

 

Querce2


Come spiegano giustamente sia residenti che tecnici delle associazioni, le soluzioni al massacro ci sono e possono essere attuate con un minimo di buona volontà da parte del Comune.
Ancora una volta, dopo la brutta storia dei pini storici abbattuti nel 2016, le associazioni e i cittadini devono far fronte all'assalto contro querce storiche lussureggianti, in ottimo stato di salute. Il Comune propone un compromesso: salvare una quercia, la seconda verso la rotonda di Strada delle Fornaci, per inglobarla in uno spartitraffico. A nostro avviso un compromesso ridicolo che non risolverà un bel niente e che cancellerà comunque un lembo di paesaggio abruzzese storico. In un paese civile che vuole tutelare i suoi tesori si fa di tutto per salvare entrambe le querce. Ma purtroppo qui non funziona così.

Questi alberi hanno tanto da raccontare e custodiscono le memorie dei cittadini. In tanti si sono stretti intorno alle querce, davanti ai giornalisti e alle televisioni intervenute. Pescara è una città che vuole rinascere ma questi colpi di mano non aiutano. Una città che soffre per la distruzione del paesaggio storico, dalle ville dannunziani demolite per fare resort di lusso, fino alla cancellazione degli ultimi spazi verdi urbani per costruire nuovi palazzi e nuove strade.
L'abbattimento delle querce di Strada delle Fornaci sarà l'ultimo tragico epilogo nella distruzione della memoria storica pescarese. L'ultimo sacrilegio contro un paesaggio verde in via di estinzione che solo pochissimi sanno ancora apprezzare.

 

Alberto Colazilli
Paesaggista curatore di parchi e giardini
Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Il verde urbano che rinasce a Loreto Aprutino. Continua l'ottima azione del Conalpa onlus in sinergia con il Comune

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

Il verde urbano che rinasce a Loreto Aprutino

Continua l'ottima azione del Conalpa onlus in sinergia con il Comune

 

ViaCappuccini Loreto1

Veduta sui tigli di Via Cappuccini recuperati dopo anni di capitozzi selvaggi

 

Tanto è stato fatto con il Protocollo d'Intesa tra Comune di Loreto Aprutino e Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus in merito alla riqualificazione e valorizzazione del verde urbano. Un problema, quello delle alberature cittadine, che ha sempre preoccupato gli amministratori locali. Finalmente qualcosa sta rinascendo a Loreto che fino a pochi anni fà era desolante nella gestione degli alberi. Capitozzature selvagge, aiuole abbandonate, alberi pericolanti e rovinati, mancanza di personale tecnico specializzato. Finalmente la capitozzatura viene combattuta con forza grazie alla consulenza tecnica e appassionata degli esperti del Conalpa. "Abbiamo lanciato questa sfida scontrandoci con una situazione veramente molto difficile sotto l'aspetto della cultura del verde e della comunicazione." spiega il presidente del Conalpa Alberto Colazilli, "La nostra prima battaglia è stata quella di riqualificare i martoriati alberi di Via XX settembre, la porta verde del centro storico loretese. E' stato un momento di crescita tra noi e il Comune e siamo riusciti a far passare una corretta potatura degli alberi con messa al bando della capitozzatura. A seguire ci siamo interessati della trafficata Via Cappuccini in cui abbiamo piantato alberi nuovi con il 5x1000 e recuperato tutti i tigli di cinquant'anni orrendamente mutilati per anni. Poi della cura professionale dei pini storici di Piazza Garibaldi. E poi due Feste Nazionali dell'Albero che hanno coinvolto le scuole locali con educazione ambientale e piantagione di nuovi alberi"
Un lavoro, quello degli esperti del Conalpa, che viene svolto giornalmente in collaborazione con l'Amministrazione Comunale e con l'ufficio tecnico comunale. Gli esperti cercano di promuovere la cultura degli alberi soprattutto tra i cittadini, spiegando che un verde ben curato e in ottime condizioni aumenta la qualità della vita, la sicurezza e il valore economico degli immobili. "In Via Cappuccini stiamo svolgendo il lavoro più complicato perchè ci sono continue lamentele di diversi residenti infastiditi degli alberi troppo lussureggianti", continua Colazilli, "Occorre ricordare che una copertura vegetale verdeggiante è una formidabile barriera contro le polveri sottili cancerogene. Siamo in una strada particolarmente trafficata. Questi alberi sono curati e valorizzati in maniera assolutamente specialistica, intervenendo nel rispetto della loro naturalità. I prossimi lavori di miglioramento saranno quelli di far passare maggior luce all'interno delle chiome evitando contrasti con i manufatti, ma niente capitozzature o tagli drastici. Tutti lavori saranno svolti nel periodo del riposo vegetativo. I residenti devono seguire e rispettare le regole dei tecnici del settore e fidarsi di quello che diciamo. Quindi basta polemiche e discussioni senza fondamento tecnico-scientifico che mirano a ridicolizzare questo viale alberato."
La valorizzazione dei paesaggi di Loreto Aprutino, un'altra priorità del Protocollo d'intesa, mira a recuperare le vedute storiche e quindi incrementare anche l'offerta turistica. "Tanti sono i progetti per la riqualificazione delle vedute paesaggistiche dal centro storico", continua Colazilli, "Abbiamo recuperato la veduta dal parco pubblico del Monumento ai Caduti con un ottimo risultato a livello paesaggistico". Tra le prossime azioni la riqualificazione verde di Via dei Normanni, dove il Conalpa intende piantare nuovi alberelli per migliorare l'immagine urbana e valorizzare la via di accesso al centro storico. Operazione che sarà svolta nel prossimo inverno. Per concludere, la recente ottima operazione di potatura su un Pino d'Aleppo storico nel giardino della Scuola Elementare Tito Acerbo svoltasi il 30 aprile scorso. Un intervento di valorizzazione e miglioramento dell'esemplare con rimonda del secco. "E' stato un bel lavoro, rispettando le moderne ricerche scientifiche sulla gestione e dei Pini d'Aleppo, alberi complessi che meritano interventi specialistici.", conclude Colazilli, "Su Loreto abbiamo fatto veramente moltissimo ma bisogna continuare questa collaborazione tra Comune e Associazione, lavorando moltissimo sulla educazione ambientale." Bellezza, lotta all'inquinamento atmosferico, decoro urbano, miglioramento del paesaggio, sono risultati molto importanti che possono contribuire alla rinascita di Loreto Aprutino.

 

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

A Montesilvano (PE) pessimi interventi di taglio su alberi verdeggianti in piena vigoria primaverile

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 2

A Montesilvano (PE) pessimi interventi di taglio

su alberi verdeggianti in piena vigoria primaverile

 

1

 

A Montesilvano Marina, in zona PP1, si sta intervenendo con tagli pessimi su alberature cittadine in pieno sviluppo vegetativo. Siamo in primavera, la natura si risveglia e gli alberi sono in una fase di crescita e nel loro massimo splendore. Questi discutibili interventi rischiano di mettere a rischio il patrimonio arboreo pubblico e di creare problemi di sicurezza perchè si va a minare la stessa stabilità degli esemplari arborei.

Come spiega il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus - Delegazione Abruzzo, "Andare a capitozzare o tagliare drasticamente le chiome di alberi verdeggianti in piena primavera comporta un grave danno biologico alla pianta che viene privata all'improvviso della sua chioma con fogliame in formazione. In pratica si annulla drasticamente il processo di fontosintesi clorofilliana che permette alla pianta di produrre cibo per la crescita delle ramificazioni e dell'apparato radicale. Un intervento simile in questo periodo provoca danni nell'apparato radicale e trasforma questi alberi in pericoli pubblici con problemi di stabilità. Saranno più deboli e instabili, incominceranno ad ammalarsi con il rischio di soccombere, con un danno anche economico e d'immagine. Per non parlare poi della perdita di valore monetario degli stessi immobili presenti nel quartiere".

 

2

 

Il comune di Montesilvano sta andando contro il suo stesso Regolamento comunale del verde pubblico e privato. In particolare si sta violando l'art.11 del suddetto regolamento che parla appunto della potatura. Nell'articolo si legge che "Gli interventi di potatura degli alberi e delle siepi dovranno comunque essere effettuati nel rispetto della nidificazione dell’avifauna e delle norme di riferimento; in linea generale non dovranno essere effettuati nel periodo Marzo – Luglio." E inoltre, "Le potature devono essere effettuate rispettando per quanto possibile la ramificazione naturale dell’albero"

 

3

 

Il Conalpa chiede di interrompere immediatamente i lavori perchè si tratta di uno scempio che non rispetta le moderne regole dell'arboricoltura urbana. Tutti gli alberi sono irrimediabilmente rovinati e in grave stress con l'eliminazione del 90 percento della massa fogliare.

 

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio - Delegazione Abruzzo

PinExt
Share

Gli alberi urlanti e massacrati a Francavilla al Mare (CH)

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 1

Gli alberi urlanti e massacrati a Francavilla al Mare (CH)

 

1db5dad0 5baf 4290 B923 B3f51c126d99

 

Si stagliano al cielo come spettri, simboli di una desolante Nazionale Adriatica a Francavilla al Mare in cui gli alberi sembrano come urlare di dolore e disperazione di fronte alle torture, ai tagli delle chiome, alla eliminazione totale delle gerarchie delle ramificazioni, spogliati di tutto, di dignità, di eleganza, di bellezza.

Ridotti a feticci del degrado paesaggistico, perchè essere costretti a subire questo scempio è un male per occhi, per lo spirito e per il turismo. Ebbene si, danno paesaggistico, danno di immagine, danno biologico, danno turistico perchè questo non è per niente un biglietto da visita ma anzi è un monito alla fuga. Il Co.N.Al.Pa. esprime tutta la sua indignazione e promette battaglia in merito a questa vergogna delle pessime potature sulle alberature stradali.

 

 

C90d0a94 6a58 4987 8f6e 8638e1db011c

 

 

"Ogni anno assistiamo alla devastazione del nostro patrimonio arboreo lungo la Nazionale Adriatica", spiega Dario d'Onofrio, consigliere del Co.N.Al.Pa. Abruzzo. "Un doloroso, inesorabile taglio dei rami dei poveri platani e tigli, che restano mutilati imponendoci questo panorama spettrale proprio all'inizio della primavera, quando le piccole gemme erano già pronte a germogliare per donarci un po' d'ombra dalla calura estiva ed una grande superficie vivente verde, assorbente, che trattiene il particolato del traffico viario."

 

B421c20f A081 4060 9172 C6d5c70ae176

 

 

Si, perchè questi alberi hanno una molteplice funzione di produrre servizi ecosistemici per noi piccoli esseri umani che produciamo tanto inquinamento. Alberi importanti che, se ben curati, potrebbero realizzare una straodinaria galleria verde sulla Nazionale Adriatica, una barriera per combattere i gas e le polveri sottili cancerogene che uccidono. "La stupidità ed arroganza umana verso tutto ciò che cresce mi ricorda il comportamento degli orchi nei libri di Tolkien....", conclude sconcertato d'Onofrio.

Ancora una volta l'indignazione e la rabbia per le capitozzature degli alberi e per la distruzione dei servizi ecoistemici esplode forte e decisa. Le nostre città e le nostre strade sono sempre più inquinate e trafficate e i nostri grandi alberi sono devastati da personale non specializzato.

 

F37cd60d 9695 40fc Bab1 943bc10ee1e1

 

 

"La potatura di questi grandi alberi urbani dovrebbe essere svolta da ditte di arboricoltori specializzati con formazione tecnico-scientifica", spiega invece Annalisa Petrucciani, anche lei consigliere del Co.N.Al.Pa. Abruzzo, "Come associazione ci stiamo impegnando tantissimo nella promozione di attenti professionisti degli alberi. Come ci insegnano gli esperti gli alberi non si potano in questo modo, ovvero eliminando tutto la chioma con le ramificazioni ma si interviene in maniera selettiva, preservando la naturalità degli esemplari arborei. La potatura deve migliorare l'albero, eliminando le parti malate, effettuando rimonda del secco. In questo caso la costante tortura ha trasformato gli alberi in esemplari innaturali che presentano già molte criticità e che purtroppo non faranno altro che peggiorare. Una corretta potatura aumenta la sicurezza dei cittadini ed evita crolli."

Secondo il Co.N.Al.Pa. c'è anche un danno economico e un danneggiamento di beni ambientali pubblici con depauperamento di importanti risorse naturalistiche importanti nella lotta all'inquinamento atmosferico.

 

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

 

 

https://ilfaro24.it/gli-alberi-urlanti-e-massacrati-a-francavilla-al-mare-ch-foto/

 

https://www.hgnews.it/2018/04/06/coordinamento-nazionale-alberi-e-paesaggio-gli-alberi-urlanti-e-massacrati-a-francavilla-al-mare/

 

http://www.metropolitanweb.it/cronaca/item/17535-conalpa-gli-alberi-urlanti-e-massacrati-a-francavilla-al-mare.html

 

http://www.cityrumors.it/notizie-chieti/cronaca-chieti/conalpa-gli-alberi-urlanti-massacrati-francavilla-al-mare.html

 

http://www.pagineabruzzo.it/notizie/news/Chieti/85026/Potature_alberi_il_conalpa_danno_economico_ed_ambientale.html

 

https://www.abruzzonews.eu/alberi-massacrati-francavilla-conalpa-516766.html

 

PinExt
Share

SPELACCHIO, ovvero l'indecenza di un Natale che non ama più gli alberi

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

SPELACCHIO, ovvero l'indecenza di un Natale che non ama più gli alberi  

 

 3014e5d24210837986f68636e2e13370

Spelacchio in Piazza Venezia a Roma - Foto Ansa. www.ansa.it

 

Quest'anno mi ero promesso di non intervenire nelle questioni degli alberi di Natale abbattuti, trattati come oggetti usa e getta o sballottati nelle più importanti piazze d'Italia. Beh, si, mi volevo trattenere perchè ormai è una guerra che miete vittime anche sui social, tra risse e insulti, nel tentativo di scalfire una visione totalmente antropocentrica in cui l'albero sta diventando un semplice bene di consumo e non più un protagonista, un amico o un creatore di biodiversità. Ma poi, mentre giro su facebook, ecco ritrovarmi un'assurda fotografia di una tragedia annunciata, assieme a tanti articoli che ne parlano.

Un povero peccio, abete rosso selezionato tra i più belli, viene tagliato al colletto e trasportato a Roma per diventare ennesimo feticcio immolato sull'altare del consumismo esasperato, dell'apparire e dell'immoralità. Beh si, diciamola tutta! Una vera immoralità quella di vedere in diretta l'agonia di un grande albero devastato prima dal taglio e poi da un trasporto eccezionale che lo ha torturato e distrutto facendolo morire nel peggiore dei modi.  Costato 50 mila euro, cifra esagerata, ricordando che tante famiglie non arrivano alla fine del mese. Beh, questa aberrazione non appartiene alla mia scuola di pensiero e di formazione, perchè io, per fortuna, mi sono formato sul rispetto degli alberi. Probabilmente una scuola che sta morendo anch'essa.

Comunque, giusto per chiarire, rispetto anche chi la pensa diversamente da me. Il giro di soldi che c'è dietro a questa mercificazione degli alberi di Natale fa rabbrividire anche il Padre Eterno. Tutti parlano di salvare gli alberi ma poi ogni Natale centinaia di migliaia, milioni di alberi vengono immolati nelle piazze di tutta Europa per il puro gusto di apparire con luci e altre decorazioni natalizie. Molti di questi alberi, guarda un pò, diventano rifiuto dopo un mese, legna da ardere, nuova CO2 che torna in atmosfera.

Assolutamente d'accordo con il festeggiare il Natale, siamo tutti più buoni ma questi poveri, grandi alberi secolari o quasi centenari, forse sarebbe meglio lasciarli vivere in pace e fargli festeggiare il Natale in santa pace con i propri simili e nelle foreste. Mi si parla di filiera del legno, di tante cose belle e importanti, di meravigliose tavole, di giocattoli per bambini poveri, di gestione sostenibile delle foreste, di tagli mirati, di coltivazioni forestali adatte allo scopo, mi si dice di tutto di più. Ma alla fine tutto deve per forza giustificare, purtroppo, questo uccidere, sacrificare poveri alberi nelle piazze d'Italia e d'Europa per un mese e vederli lentamente morire sotto luci e palline. Allora ditemi dov'è la sostenibilità e dov'è la bellezza di un simile gesto.  Dov'è l'ecologia tanto urlata e di cui tutti si riempono la bocca in convegni e conferenze? Quale educazione diamo ai nostri figli? In una foresta o in un bosco i grandi alberi sono le Colonne del Cielo, soprattutto quelli più belli, fantastici, imponenti che si ergono a guardiani del bosco e che sono habitat per scoiattoli, uccelli, fauna di ogni tipo.

Andare a scegliere l'albero più bello per ridurlo a un moribondo spelacchiato significa decapitare il re delle montagne e dei grandi paesaggi natalizi delle nostre favole.  Eh, si, Spelacchio, così lo hanno ribattezzato, è morto per colpa di un trasporto sbagliato, di incompetenza, di mancanza di cure prima del suo ultimo respiro, come per dire facciamo accanimento terapeutico su un morto. Ecco, Spelacchio,  è il simbolo di una società completamente fuori di testa, priva di valori, priva di rispetto verso gli esseri viventi, priva di amore per la bellezza, priva di educazione perchè non si può concepire un fatto del genere.   

Ah, chiarisco subito che sono  contrario a quelle diavolerie di dubbio gusto che vogliono sostituirsi agli alberi, dscutibili strutture a forma di albero o che ricordano vagamente un albero oppure il business degli alberi finti e costosissimi da piazzare all'esterno. Alberi finti che diventano rifiuto speciale dopo un pò di tempo e che vanno ad appestare discariche abusive e che devono essere smaltiti spendendo sempre una montagna di soldi. Gli alberi finti cerchiamo di utilizzarli dentro gli appartamenti e non nelle piazze. Anche qui il buon senso dovrebbe essere di casa. Ops, buon senso, una parolona di questi tempi. 

Sui social c'è chi parla di piantare un albero di Natale permanente davanti all'altare della Patria. Beh, si, perchè no! Metteteci un Peccio, così dopo due anni muore per il gran caldo o per la siccità! Un albero di montagna a Roma. Che dire, ci sarebbe una soluzione, forse piantarci un bel Cedro del Libano o forse non metterci nulla, o forse farla finita con questa porcata, permettetemi questo termine forte, degli alberi di natale torturati.

Molti comuni utilizzano alberi vivi che vengono addobbati per le feste. Si tratta di comuni virtuosi e intelligenti che risparmiano sul bilancio e che rispettano veramente l'ambiente. Il rispetto degli esseri viventi dovrebbe essere alla base di una civiltà evoluta. Altrimenti siamo soltanto un branco di mostri!

 

Alberto Colazilli 

Paesaggista curatore di parchi e giardini.

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Pini capitozzati a Francavilla al Mare (CH). Danno ambientale e paesaggistico

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

Pini capitozzati a Francavilla al Mare (CH). Danno ambientale e paesaggistico

 

1

 

Un intero viale di Pinus pinea è sottoposto a drastiche e cattive potature di cimatura e capitozzatura lungo la Via Arnaldo De Simone a Francavilla al Mare (CH). Per il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus si tratta di un pessimo lavoro eseguito da personale per niente competente che ha completamente rovinato un intero patrimonio di decine di alberi di grandi dimensioni. 

Secondo l'associazione questo tipo di intervento va ad indebolire la stabilità degli alberi con ripercussioni sull'apparato radicale e sulla perfetta struttura aerodinamica del pino domestico che viene sottoposta a uno stress importante.  Le chiome di questa specie non devono essere assolutamente svuotate ne cimate in quanto si crea un problema di deperimento della pianta e un arresto della crescita. Inoltre si creano problemi nell'apparato radicale e chi è addetto ai lavori sa come il pino sia un albero in cui la perfetta connessione tra chioma e radici deve essere sempre rispettata. La perfetta potatura dei pini deve essere fatta ad arboricoltori specializzati e non da addetti delle pulizie. Il fattore neve viene controllato in seguto a una potatura di rimonda del secco senza minimanete intaccare la forma aerodinamica della chioma. Il pino è un albero complesso e ci vuole formazione adeguata per saperlo curare

 

6

 

Oltre al danno estetico che va a colpire un paesaggio storicizzato, questo intervento provoca anche un danno patrimoniale con la rovina di alberi di grandi dimensioni e un danno ambientale a lungo termine. 

 

3

 

Secondo la moderna arboricoltura i pini non dovrebbero mai essere potati o cimati rispettando scrupoosamente la forma naturale della pianta. 

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Verde urbano a Silvi (TE). Il Co.N.Al.Pa. "Gestione errata. Urge regolamento comunale del verde urbano"

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

Verde urbano a Silvi (TE).

Il Co.N.Al.Pa. "Gestione errata. Urge regolamento comunale del verde urbano"

 

Silvi1

Pini a Silvi Alta - Foto Colazilli

 

Pessima gestione dei pini storici a Silvi Marina e a Silvi Alta, discutibili piantagioni di alberi e arbusti nelle vie del centro sulla marina, cattive potature che hanno rovinato irrimediabilmente molti esemplari arborei, ceppaie, alberi secchi e pericolosi. Il Co.N.Al.Pa., dopo il suo ultimo sopralluogo nella cittadina silvarola, espone i tanti problemi relativi a una errata cura del verde in ambiente urbano e periurbano.
Situazione problematica per i pini storici a Silvi Alta, ovvero i simboli di questo splendido borgo marino. "I pini d'Aleppo hanno subito dei danni importanti," spiega l'associazione, "sia a causa delle abbondanti nevicate che per colpa di errati interventi cesori che hanno rovinato la caratteristica chioma a globi di fronda di questa specie. L'intervento sui pini d'Aleppo dovrebbe essere eseguito da personale altamente specializzato. Ricordiamo che i pini, se vengono mal potati e mal gestiti possono diventare pericolo per l'incolumità pubblica. Ogni intervento maldestro in chioma si ripercuote disastrosamente sull'apparato radicale. I pini di Silvi Alta andrebbero riordinati curando le sbrancature da neve e i difetti derivati dalla cattiva gestione."

 

 

Silvi5

Via Spezzaferro, Silvi Marina - Foto Colazilli


Stessa condizione per pini storici che costeggiano Via Garibaldi, Via Arrigo Rossi e Via Cristoforo Colombo. "Le potature susseguitesi nel corso degli anni hanno snaturato troppo le chiome questi alberi, soprattutto nel caso dei pini d'Aleppo. Molti esemplari vivono in condizioni di forte stress con chiome molto ridotte e una crescita stentata. Bisognerà intervenire con un restauro del viale dei pini, simbolo della storia di Silvi, eliminando le ceppaie, i tronchi secchi e gli alberi con gravi criticità e incapaci di produrre ulteriori ecoservizi."
Problematiche riscontrate anche per le nuove piantagioni di alberi, soprattutto, in Via del Popolo e Via Spezzaferro, sempre a Silvi Marina, "In quest'area abbiamo numerose ceppaie che non sono state rimosse, ci sono pini d'Aleppo che sono soffocati dal cemento e alberi capitozzati. Tante le criticità anche qui che devono essere risolte. Per quanto riguarda la scelta delle piante invece di mettere le Lagerstroemie si potevano scegliere arbusti della flora mediterranea a bassa manutenzione come Tamerici, Alaterni, Oleandri, Filliree, Allori, Melograni, Ornielli, Corbezzoli."

 

Silvi3

Via del Popolo a Silvi Marina. - Foto Colazilli


Infine, la situazione dei pioppi inseriti sul primo fronte nel lungomare di Silvi nord: "Anche in questo caso inutile dispendio di soldi", spiega l'associazione "I pioppi non sono in grado di resistere ai forti venti e all'aerosol marino. Sono alberi che in natura non vivono a ridosso del mare. Si doveva intervenire con l'inserimento di alberi e arbusti della macchia mediterranea come le Tamerici o gli stessi alberi di Corbezzolo, molto resistenti a questo tipo di situazione. Già in passato ci sono state diverse rotture di alberi con il rischio per l'incolumità pubblica."
Per l'associazione urge un regolamento comunale del verde pubblico e privato: "Il verde di Silvi ha tanti problemi e sono stati fatti troppi errori in passato. E' necessario redigere un regolamento comunale del verde che possa dettare le linee guida di una corretta gestione del patrimonio arboreo. Sarebbe un importante risultato, anche per migliorare l'aspetto paesaggistico della cittadina e del suo territorio evitando quindi nuovi errori nella progettazione del verde e nella cura degli alberi."

 

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Tigli di Romano di Lombardia. Il Conalpa Onlus: "Bisogna riqualificare il viale. La distruzione totale peggiorerà l'immagine della città."

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 2

Tigli di Romano di Lombardia.

 Il Conalpa Onlus: "Bisogna riqualificare il viale.

La distruzione totale peggiorerà l'immagine della città."

 

 Tigli1

 

Per il Conalpa Onlus (Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio) i tigli storici di Romano di Lombardia possono essere salvati intervenendo con una totale riqualificazione del viale. Questi tigli hanno un valore ambientale notevole perchè sono il polmone verde di Romano di Lombardia.  Pianificare un progetto di restauro e non di distruzione è quanto chiede l'associazione  all'Amministrazione Comunale.

I recenti proclami di devastazione e di taglio totale non appartengono a un'amministrazione virtuosa e amante della propria cittadina. Si tratta solo di prese di posizione ideologiche e prive di fondamento tecnico-scientifico che porteranno, se attuate, a un peggioramento dell'immagine turistica della città di Romano. Sul sito del comune di Romano, in data 11 dicembre 2017 è comparsa la Determinazione del responsabile di servizio con oggetto "ELIMINAZIONE DEI 112 TIGLI COSTITUENTI L'ALBERATURA DI VIALE MONTECATINI E MESSA A DIMORA DI NUOVI 52 ALBERI." in cui si legge chiaramente "di procedere all’affidamento dei lavori di eliminazione dei citati 112 tigli costituenti l’alberatura di Viale Montecatini ivi compresa la frantumazione meccanica delle ceppaie e la messa a dimora di nuovi nr.52 alberi" "precisando che la spesa complessiva prevista per la realizzazione dell’intervento che ammonta a €. 40.000,00 IVA di legge inclusa trova adeguata copertura finanziaria"

In pratica l'amministrazione di Romano di Lombardia, per adempiere alla totale riqualificazione del viale Montecatina, ha firmato la sua dichiarazione di guerra agli alberi senza ascoltare in pareri di alcun tecnico e procedere a una valutazione di stabilità delle singole piante. 

Eppure tanti sono gli ecoservizi di questi grandi alberi in città. Questi esemplari di tiglio hanno il pregio di purificare l'aria dalle polveri sottili, creano ombra e mitigano l'isola di calore nei periodi estivi, sono un'attrazione per bellezza e per le chiome lussureggianti. In un ambiente così fortemente cementificato questi tigli rappresentano una grande ricchezza e un importante baluardo di naturalità. Purtroppo la crescita urbanistica errata e la pessima progettazione della città hanno creato moltiplici criticità a questi alberi che si trovano a dover combattere giornalmente con l'invasione di asfalto, cemento, manufatti e marciapiedi con aiuole piccole e spazi vitali minimi.

 

Tigli3

 

Il tiglio è un albero di prima grandezza, uno dei migliori alberi anti-inquinamento perchè con le sue foglie pelose riesce a captare ingenti quantità di PM-10. E' uno dei migliori alberi da ombra per la sua chioma densa e crea ambienti freschi nelle giornate molto calde. Chi ha piantato questi tigli ha fatto indubbiamente un ottimo investimento dal punto di vista degli ecoservizi per i cittadini. Inoltre il tiglio è un albero resistente alle malattie, alla siccità, alle basse temperature, ha una crescita straordinaria, resiste meglio di altre specie ai continui disturbi antropici in città. In questa situazione di Romano ci sono alberature che crescono a ridosso delle abitazioni, una situazione che andrebbe assolutamente risolta con potature specialistiche, migliorando le piante, eliminando le  fitte ramificazioni che non fanno passare la luce del sole e che sono il frutto di continue capitozzature. Riordinare gli alberi sotto l'aspetto della forma, ridare loro dignità e bellezza, renderli importanti in un tessuto urbano a cui bisogna dare valore, si tratta di un lavoro specialistico che va eseguito con grande professionalità e non certo con la tabula rasa ad ogni costo.

 

Tigli2

 

E' chiaro che siamo in una città in cui gli alberi sono coltivati e non è un bosco o una foresta. In città gli alberi vanno curati e non lasciati in cattive condizioni, abbandonati o rovinati. L'abbandono e la rovina delle alberature può provocare problemi di degrado e di abbruttimento della città stessa. Gli alberi in città devono essere gestiti come in un giardino e come tale servono specializzazioni valide in grado realizzare tutto questo.

Bisogna analizzare le piante sotto l'aspetto fitosanitario, valutare la stabilità degli esemplari, indagare sulle possibili malattie attraverso strumentazione adeguata, tutte operazioni fortemente consigliate visto l'alto valore ambientale di questo filare. Fare lavori altrettanto specialistici sulle radici delle piante, soprattutto nelle condizioni di scontro con i recinti e le abitazioni, eliminare le sole radici impattanti e preservare scrupolosamente l'apparato radicale delle piante.

Si tratta di un progetto minuzioso, molto dettagliato, che va eseguito un pò alla volta tramite esperti del settore, agronomi specializzati in arboricoltura, dottori forestali, paesaggisti esperti di paesaggio urbano, botanici, arboricoltori professionisti e certificati, ditte altamente qualificate e poi il confronto costruttivo nei tavoli tecnici. La soluzione è quella di intervenire con intelligenza, osservando e indagando su quello che bisogna fare.  Il bellissimo viale dei tigli di Romano può continuare a vivere, basta solo investire su questa bellezza naturalistica che caratterizza da sempre questa città. Una volta tagliati gli alberi non si tornerà indietro e bisognerà aspettare settant'anni per riavere un viale così lussureggiante e pieno di suggestioni. Si spera che l'Amministrazione di Romano di Lombardia faccia marcia indietro in merito a questo massacro di alberi. Il buon senso e la professionalità dovrebbero essere la prima regole di un comune che vuole tendere al miglioramento del proprio territorio. Se non ci sarà ripensamento, il Comune di Romano potrà essere iscritto nella lista nera nazionale delle peggiori città che non amano gli alberi e non compiono operazioni per la loro cura e salvaguardia.  

 

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus  

 

PinExt
Share

Silvi Marina (TE). Necessaria riforestazione anti-inquinamento sulla Nazionale Adriatica

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

Silvi Marina (TE). Necessaria riforestazione anti-inquinamento sulla Nazionale Adriatica

 

 Tiglio

 

Co.N.Al.Pa. Onlus e Comitato di Quartiere Silvisud puntano i riflettori sulla trafficata Nazionale Adratica e sulla mancanza di alberature anti-inquinamento e da ombra. Questa importante arteria stradale nelle ore di punta diventa impraticabile, con traffico veicolare pesante e un aumento delle polveri sottili e dei rumori che generano stress psico-fisico. Per il Co.N.Al.Pa. è necessaria una riforestazione e una riqualificazione paesaggistica utilizzando alberi resistenti che siano in grado mitigare l'inquinamento e creare anche barriere anti-rumore.
"Aumentare notevolmente la massa vegetale, piantando alberi e arbusti idonei come bagolari, tigli, frassini, lecci, platani, aceri, olmi, meli e peri da fiore ecc... riesce ad abbattere una grande quantità di inquinamento atmosferico." spiega il paesaggista Alberto Colazilli presidente del Co.N.Al.Pa., "Una parte della Nazionale Adriatica nel tratto di Silvi Sud è totalmente priva di alberi. Ricordiamo che la vegetazione può aiutare nella mitigazione dell'isola di calore che è un problema molto serio nella stagione calda. Un progetto paesaggistico ben strutturato sull'Adriatica, con la presenza di siepi sempreverdi e alberi ad alto fusto può abbattere moltissimo anche i livelli di rumore generati dal traffico."
Il dott. Mauro De Rosa, medico specialista nelle malattie dell'apparato respiratorio, spiega come "l'inquinamento atmosferico può avere azioni molto dannose sul nostro organismo, soprattuto per quanto riguarda l'aumento delle malattie polmonari e dei bronchi legate allo smog e all'aria insalubre. La qualità della vita si basa sull'utilizzo dell'ossigeno che migliora costantemente le funzioni vitali. Per migliorare la qualità dell'aria è necessario investire sulla riforestazione cittadina. Gli alberi hanno la capacità di rimuovere questi agenti inquinanti, agiscono come effetto barriera contro i rumori, riducono lo stress e sono un investimento che va ad abbattere i costi sociali per curare le malattie."
Per Monica d'Aurelio, presidente del Comitato Silvisud, il problema della Nazionale Adriatica senza alberature va affrontato immediatamente e con le dovute attenzioni sotto l'aspetto tecnico-scientifico. "Come comitato di quartiere, in collaborazione con il Co.N.Al.Pa., ci impegneremo affinchè l'Adriatica diventi un'arteria verdeggiante e accogliente, abbellita da grandi alberi anti-smog che facciano ombra nei mesi estivi. Come ci insegnano gli esperti, un paesaggio urbano ricco di alberi ci migliora la vita. Come cittadini vogliamo che la nostra salute venga tutelata attraverso una costante opera di prevenzione. Prevenzione significa anche creare un ambiente salubre. La riforestazione in città crea un processo positivo di depurazione dell'aria. E sulla traffica Nazionale Adriatica è necessario muoversi in questo senso."

 

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Sottocategorie

  • Salviamo Viale Nettuno a Francavilla al Mare

    La battaglia ambientalista per salvare gli alberi di Viale Nettuno a Francavilla al Mare (CH). Articoli dedicati al Viale, alle proposte di salvaguardia, alla raccolta firme presso i cittadini. Le foto dei primi abbattimenti. L'appello ai parlamentari e consiglieri regionali abruzzesi.

NEWS dal Popolo degli alberi e dei giardini (2)

Written on 22/06/2018, 20:53 by admin
la-storica-roverella-pescarese-e-salva-per-ora-pronti-a-trovare-progetto-alternativo-per-la-sua-salvaguardiaLa storica Roverella pescarese è salva per ora. Pronti a trovare progetto alternativo per la sua salvaguardia.     Dopo una mattina ad altissima tensione in Strada delle Fornaci a Pescara, si torna a ragionare sulla salvezza della grande Roverella minacciata di abbattimento. Stamattina un'operazione in grande stile del Comune di Pescara ha colto di sorpresa residenti e associazioni: cestello, operai armati di motosega, tutto pronto per l'eliminazione dell'albero. Grande...
Written on 22/06/2018, 20:51 by admin
la-grande-quercia-condannata-il-comune-di-pescara-si-lava-la-coscienza-annunciando-la-messa-a-dimora-di-8-nuovi-alberelli-come-misura-compensativaLa grande quercia condannata. Il Comune di Pescara si lava la coscienza annunciando la messa a dimora di 8 nuovi alberelli come misura compensativa.     Il Comune di Pescara riga dritto verso l'abbattimento della grande Quercia di Strada delle Fornaci. E sono tutti inamovibili annunciando comunque misure compensative per salvare la faccia. A quanto pare, secondo il comune, non esistono soluzioni per salvare anche il secondo albero e cambiare il progetto di allargamento...
Written on 18/06/2018, 23:25 by admin
querce-storiche-a-rischio-di-abbattimento-a-pescara-ancora-un-assalto-agli-ultimi-paesaggi-agresti-pescaresiQuerce storiche a rischio di abbattimento a Pescara. Ancora un assalto contro gli ultimi paesaggi agresti pescaresi     La sacralità della quercia è riconosciuta sin dall'antichità, quando questo grandioso albero, forte, resistente e potente era simbolo di Zeus, il signore degli dei dell'Olimpo. Quercus pubescens, un albero che può superare i 500 anni di età se lasciato in pace. Crescita lenta, legno duro e pregiato, resistenza eccellente alle più disparate malattie. Ha un...
Written on 07/05/2018, 15:17 by admin
il-verde-urbano-che-rinasce-a-loreto-aprutino-continua-l-ottima-azione-del-conalpa-onlus-in-sinergia-con-il-comuneIl verde urbano che rinasce a Loreto Aprutino Continua l'ottima azione del Conalpa onlus in sinergia con il Comune   Veduta sui tigli di Via Cappuccini recuperati dopo anni di capitozzi selvaggi   Tanto è stato fatto con il Protocollo d'Intesa tra Comune di Loreto Aprutino e Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus in merito alla riqualificazione e valorizzazione del verde urbano. Un problema, quello delle alberature cittadine, che ha sempre preoccupato gli...
Written on 20/04/2018, 22:09 by admin
a-montesilvano-pe-pessimi-interventi-di-taglio-su-alberi-verdeggianti-in-piena-vigoria-primaverileA Montesilvano (PE) pessimi interventi di taglio su alberi verdeggianti in piena vigoria primaverile     A Montesilvano Marina, in zona PP1, si sta intervenendo con tagli pessimi su alberature cittadine in pieno sviluppo vegetativo. Siamo in primavera, la natura si risveglia e gli alberi sono in una fase di crescita e nel loro massimo splendore. Questi discutibili interventi rischiano di mettere a rischio il patrimonio arboreo pubblico e di creare problemi di sicurezza...
Written on 05/04/2018, 23:40 by admin
gli-alberi-urlanti-e-massacrati-a-francavilla-al-mare-chGli alberi urlanti e massacrati a Francavilla al Mare (CH)     Si stagliano al cielo come spettri, simboli di una desolante Nazionale Adriatica a Francavilla al Mare in cui gli alberi sembrano come urlare di dolore e disperazione di fronte alle torture, ai tagli delle chiome, alla eliminazione totale delle gerarchie delle ramificazioni, spogliati di tutto, di dignità, di eleganza, di bellezza. Ridotti a feticci del degrado paesaggistico, perchè essere costretti a subire...
Written on 20/12/2017, 21:58 by admin
spelacchio-ovvero-l-indecenza-di-un-natale-che-non-ama-piu-gli-alberiSPELACCHIO, ovvero l'indecenza di un Natale che non ama più gli alberi       Spelacchio in Piazza Venezia a Roma - Foto Ansa. www.ansa.it   Quest'anno mi ero promesso di non intervenire nelle questioni degli alberi di Natale abbattuti, trattati come oggetti usa e getta o sballottati nelle più importanti piazze d'Italia. Beh, si, mi volevo trattenere perchè ormai è una guerra che miete vittime anche sui social, tra risse e insulti, nel tentativo di scalfire una visione...
Written on 14/12/2017, 14:16 by admin
pini-capitozzati-a-francavilla-al-mare-ch-danno-ambientale-e-paesaggisticoPini capitozzati a Francavilla al Mare (CH). Danno ambientale e paesaggistico     Un intero viale di Pinus pinea è sottoposto a drastiche e cattive potature di cimatura e capitozzatura lungo la Via Arnaldo De Simone a Francavilla al Mare (CH). Per il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus si tratta di un pessimo lavoro eseguito da personale per niente competente che ha completamente rovinato un intero patrimonio di decine di alberi di grandi dimensioni.  Secondo...
Written on 05/12/2017, 19:55 by admin
verde-urbano-a-silvi-te-il-co-n-al-pa-gestione-errata-urge-regolamento-comunale-del-verde-urbanoVerde urbano a Silvi (TE). Il Co.N.Al.Pa. "Gestione errata. Urge regolamento comunale del verde urbano"   Pini a Silvi Alta - Foto Colazilli   Pessima gestione dei pini storici a Silvi Marina e a Silvi Alta, discutibili piantagioni di alberi e arbusti nelle vie del centro sulla marina, cattive potature che hanno rovinato irrimediabilmente molti esemplari arborei, ceppaie, alberi secchi e pericolosi. Il Co.N.Al.Pa., dopo il suo ultimo sopralluogo nella cittadina silvarola,...
Written on 04/12/2017, 19:31 by admin
tigli-di-romano-di-lombardia-il-conalpa-onlus-bisogna-riqualificare-il-viale-la-distruzione-totale-peggiorera-l-immagine-della-cittaTigli di Romano di Lombardia.  Il Conalpa Onlus: "Bisogna riqualificare il viale. La distruzione totale peggiorerà l'immagine della città."       Per il Conalpa Onlus (Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio) i tigli storici di Romano di Lombardia possono essere salvati intervenendo con una totale riqualificazione del viale. Questi tigli hanno un valore ambientale notevole perchè sono il polmone verde di Romano di Lombardia.  Pianificare un progetto di restauro e non di...
Written on 18/10/2017, 22:24 by admin
silvi-marina-te-necessaria-riforestazione-anti-inquinamento-sulla-nazionale-adriaticaSilvi Marina (TE). Necessaria riforestazione anti-inquinamento sulla Nazionale Adriatica       Co.N.Al.Pa. Onlus e Comitato di Quartiere Silvisud puntano i riflettori sulla trafficata Nazionale Adratica e sulla mancanza di alberature anti-inquinamento e da ombra. Questa importante arteria stradale nelle ore di punta diventa impraticabile, con traffico veicolare pesante e un aumento delle polveri sottili e dei rumori che generano stress psico-fisico. Per il Co.N.Al.Pa. è...
Written on 12/08/2017, 23:31 by admin
palazzi-verdeggianti-in-citta-per-combattere-il-caldo-torrido  Palazzi verdeggianti in città per combattere il caldo torrido    Un palazzo ricoperto di vegetazione rampicante nel centro di Roma - Foto Colazilli  Una grande città schiacciata dall'inquinamento e dall'isola di calore urbana può diventare una trappola per i cittadini. Le temperature possono diventare veramente proibitive e i malori più o meno gravi diventano una triste realtà. Una progettazione del verde in città con copertura di arbusti rampicanti su edifici, muri...
Written on 12/08/2017, 23:22 by admin
gestione-alberi-in-citta-manca-la-comunicazione-tra-le-figure-professionali-e-i-cittadiniGestione alberi in città. Manca la comunicazione tra le figure professionali e i cittadini.   La mancanza di comunicazione tra tecnici e cittadini in merito al verde urbano è tra le prime cause delle tante proteste che esplodono quando si abbatte un albero ritenuto pericoloso. L' Incapacità di relazionarsi tra gli addetti ai lavori sugli alberi, e in questo caso agronomi, forestali e arboricoltori, con altri professionisti che ruotano intorno al verde urbano come gli...
Written on 16/07/2017, 22:32 by admin
alberi-caduti-a-brecciarola-e-manoppello-pe-il-co-n-al-pa-mancano-corretta-gestione-e-analisi-di-stabilita-degli-esemplari-arborei Alberi caduti a Brecciarola e Manoppello (PE). Il Co.N.Al.Pa.:"Mancano corretta gestione e analisi di stabilità degli esemplari arborei"     La tempesta che si è abbattuta tra Manoppello e Brecciarola ha colpito uno dei viali storici alberati più importanti non solo dell'Abruzzo ma anche del Centro Sud Italia. Un viale spettacolare con alberi di Cipresso italico di oltre 30 metri con dimensioni ragguardevoli e meravigliosi tigli storici che da quasi un secolo...
Written on 20/05/2017, 23:05 by admin
lo-storico-pioppo-di-viale-kennedy-a-pescara-a-rischio-abbattimento-il-co-n-al-pa-investire-su-un-progetto-di-consolidamento-e-conservazioneLo storico Pioppo di Viale Kennedy a Pescara a rischio abbattimento.Il Co.N.Al.Pa.: "Investire su un progetto di consolidamento e conservazione"     E' uno degli alberi più belli e significativi del paesaggio pescarese. Oltre 20 metri di altezza con una densa chioma verdeggiante che in questo periodo e piena di uccelli e di nidi. Stiamo parlando del Populus nigra di Viale Kennedy a Pescara, un colosso verde amato da tanti cittadini ed ecologisti che lo hanno consacrato in un...
Written on 17/05/2017, 14:19 by admin
il-crollo-del-pino-a-giulianova-il-co-n-al-pa-il-verde-cittadino-va-curato-professionalmenteIl crollo del pino a Giulianova. Il Co.N.Al.Pa: "Il verde cittadino va curato professionalmente."     Il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio interviene in merito al crollo del pino d'Aleppo avvenuto ieri sul Lungomare Spalato a Giulianova. Già a marzo l'associazione aveva lanciato l'allarme per la pessima gestione delle alberature cittadine con grosse criticità e urgenza di interventi di sostituzione in merito a molti esemplari a rischio. All'incontro pubblico...
Written on 08/05/2017, 11:44 by admin
capitozzature-fuori-stagione-su-lecci-in-via-emilia-a-roseto-te-il-co-n-al-pa-gravi-danni-sugli-alberiCapitozzature fuori stagione su lecci in Via Emilia a Roseto (TE). Il Co.N.Al.Pa. "Gravi danni sugli alberi".       A seguito di segnalazioni da parte di cittadini di Roseto, il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio interviene in merito alle capitozzature di bellissimi lecci in Via Emilia.  "Alberi solidi in piena fase vegetativa ed in perfetta salute.", spiega l'associazione. "In questo periodo dell'anno, drastiche potature comportano gravi danni sugli alberi con la...
Written on 21/04/2017, 15:10 by admin
alberi-capitozzati-in-piena-vegetazione-a-silvi-marina-teAlberi capitozzati in piena vegetazione a Silvi Marina (TE). Il Co.N.Al.Pa. "Danni alle alberature che si ripercuoteranno col tempo sull'apparato radicale."     Non si potano gli alberi in primavera inoltrata, distruggendo tutta la chioma verdeggiante. Si tratta di un'operazione fuori da ogni logica agronomica e che non rispetta assolutamente il patrimonio collettivo. Il sopralluogo degli esperti del Co.N.Al.Pa. insieme al Comitato Silvi Sud ha evidenziato che numerosi...
Written on 21/04/2017, 13:43 by admin
proposta-di-riqualificazione-del-parco-peter-pan-a-silvi-marina-teProposta di riqualificazione del Parco Peter Pan a Silvi Marina (TE)     Il Comitato di Quartiere Silvi Sud e il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus lanciano la proposta di una immediata riqualificazione del Parco cittadino Peter Pan a Silvi Marina (TE). Durante il sopralluogo effettuato dal paesaggista Alberto Colazilli del Co.N.Al.Pa. e dall'arboricoltore professionista Giovanni Palombini, sono state riscontrate molteplici criticità nella gestione delle...
Written on 24/03/2017, 20:58 by admin
il-conalpa-replica-alla-giulianova-patrimonio-e-comune-di-giulianova-con-questi-interventi-non-si-rispetta-la-salute-e-la-naturalita-degli-alberiIl Conalpa replica alla Giulianova Patrimonio e Comune di Giulianova: "Con questi interventi non si rispetta la salute e la naturalità degli alberi"     Non si fa attendere la risposta del Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio in merito alla grave situazione del verde urbano a Giulianova. Purtroppo, nonostante gli appelli, si continua a difendere ostinatamente la gestione errata delle alberature in città. La Giulianova Patrimonio, in una replica al Conalpa ha...
Written on 20/03/2017, 23:46 by admin
bocciata-la-gestione-del-verde-a-giulianova-lido-il-conalpa-danni-irreversibili-al-patrimonio-arboreoBOCCIATA LA GESTIONE DEL VERDE A GIULIANOVA LIDO.  Il Conalpa: "Danni irreversibili al patrimonio arboreo".     Gli esperti del Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio, durante un sopralluogo svoltosi assieme ad alcuni cittadini, hanno potuto toccare con mano la grave situazione delle alberature cittadine di Giulianova Lido, in gran parte compromesse da severe capitozzature e cattivi interventi di gestione. "Siamo di fronte a un vero e proprio massacro di decine di...
Written on 15/03/2017, 23:25 by admin
a-loreto-aprutino-pe-riqualificato-con-il-treeclimbing-il-grande-olmo-del-centro-storico A Loreto Aprutino (PE) riqualificato con  il treeclimbing il grande Olmo del centro storico      A Loreto Aprutino (PE) si è svolto un importante lavoro di arboricoltura professionale che ha riqualificato il grande Olmo del Parco dei Ligustri, in uno dei giardini pittorici più belli d'Abruzzo. Si tratta del più imponente Olmo del centro storico loretese con i suoi 20 metri di altezza, sopravvissuto miracolosamente alla grafiosi e alle tante avversità climatiche degli...
Written on 07/03/2017, 23:18 by admin
Bocciata la gestione del verde a Cagliari Appello all'amministrazione per interventi urgenti per la valorizzazione e la tutela del patrimonio arboreo.   Cagliari 7 Marzo 2017. Il verde pubblico è un bene comune di inestimabile valore con funzione ecologico ambientale, funzione sanitaria, grazie alla  depurazione chimica dell'atmosfera e  fissazione di gas tossici, regolazione microclimatica, schermo antirumore e funzione estetico architettonica. Da troppo  tempo però per...
Written on 07/02/2017, 21:52 by admin
a-silvi-te-assemblea-pubblica-per-il-verde-e-il-paesaggio-urbano-18-febbraio-2017A Silvi (TE), assemblea pubblica per il verde e il paesaggio urbano. 18 febbraio 2017       Saranno trattati argomenti di grande importanza all'Assemblea pubblica che si terrà il 18 febbraio a Silvi. Non si parlerà soltanto della gestione delle alberature ma anche della riqualificazione in generale del paesaggio urbano che è un problema molto più insidioso e complesso da affrontare. La  "Salute ambientale" della città è ciò che aumenta la qualità della vita dei cittadini...
Written on 17/09/2016, 11:29 by admin
cattive-potature-sui-pini-di-pescara-settembre-2016Cattive potature sui pini di Pescara - Settembre 2016        
Written on 14/09/2016, 16:09 by admin
pescara-nuovi-impianti-di-pini-criticita-ed-erroriPESCARA. NUOVI IMPIANTI DI PINI. CRITICITA' ED ERRORI IN VIA REGINA MARGHERITA   Pinus pinea piantato vicinissimo a un lampione e sotto un altro grande albero. (Foto A.Colazilli)   Nuovi impianti di Pini effettuati nella storica Via Regina Margherita a Pescara. Riscontrati vari errori nella messa a dimora di pini domestici e pini di Aleppo, alcuni dei quali in condizioni di stress. Terreni poveri, distanze minime tra gli alberi, disturbo antropico, cattiva qualità del...
Written on 11/09/2016, 12:58 by admin
modica-ragusa-terribile-strage-di-pini-domesticiModica (Ragusa). Terribile strage di pini domestici.     Riceviamo e pubblichiamo queste terribili foto di pini domestici prima capitozzati e poi fatti a pezzi da potenti macchinari. L'amministrazione comunale dice che saranno sostituiti con specie più consone. In realtà si tratta di un assalto contro un paesaggio definito da molti cittadini "identitario". Eliminati più di 46 grandi pini di oltre 50 anni in buono stato fitosanitario. Ci è stato riferito che non è stata...
Written on 09/09/2016, 21:33 by admin
la-potatura-dei-pini-una-specializzazione-dell-arboricolturaLa potatura dei pini. Una specializzazione dell'arboricoltura.   Esemplari di Pinus halepensis - Foto Alberto Colazilli   I pini sono alberi complessi caratterizzati da una particolare architettura arborea che crea delle strutture rigide capaci di resistere perfettamente ai venti. I nostri pini mediterranei e principalmente Pinus pinea e Pinus halepensis sono degli autentici capolavori di resistenza e resilienza, progettati da madre natura per vivere in condizioni estreme...
Written on 06/09/2016, 14:30 by admin
il-noto-agronomo-giovanni-morelli-esperto-internazionale-di-pini-interviene-sui-fatti-di-pescaraIl noto agronomo Giovanni Morelli, esperto internazionale di pini, interviene sugli abbattimenti di pini a Pescara     Pubblichiamo la nota integrale pervenutaci dal noto esperto di pini di fama nazionale dott. Agr. Giovanni Morelli. "Nelle ultime settimane sono stato più volte indirettamente coinvolto nelle polemiche relative all'abbattimento di alberi, prevalentemente Pini, radicati nella città di Pescara. Avendo constatato diverse imprecisioni circa il mio ruolo, il mio...
Written on 03/09/2016, 14:15 by admin
gli-alberi-storici-di-pescara-vanno-curati-e-i-paesaggi-culturali-pescaresi-vanno-conservati-e-tutelatiGli alberi storici di Pescara vanno curati e i paesaggi culturali pescaresi vanno conservati e tutelati.    Viale Scarfoglio a Pescara con i suoi pini storici di inizio Novecento   Il paesaggio culturale è qualcosa di complesso che scandisce la storia di una popolazione o di una città. Esso può essere disegnato da filari arborei storici, alberi monumentali, edifici storici, giardini storici ed un "biglietto da visita" fondamentale e identitario di un'intera comunità. Il...
Written on 27/08/2016, 21:40 by admin
nuovo-assalto-contro-i-pini-di-aleppo-di-pescaraCOMUNICATO STAMPA DEL 27-08-2016 FORUM H2O-WWF-CONALPA-FAI-ITALIA NOSTRA-PRO NATURA-LEGAMBIENTE   L'amministrazione di Pescara prima "promuove" convegni e progetti volti alla tutela dei pini poi attiva le motoseghe e condanna a morte proprio i pini d'Aleppo, pini storici, identitari della città di Pescara!      Pino di Aleppo condannato in Via Vespucci   Si è costituito il movimento "salviamo i pini di Pescara". Associazioni e cittadini si stanno coordinando per mettere...
Written on 05/06/2016, 00:29 by admin
pescara-citta-dei-pini-per-la-progettazione-di-una-citta-a-misura-d-alberoPESCARA CITTA’ DEI PINI La conservazione e lo sviluppo del verde e la tutela del Pino di Aleppo devono iniziare dalla  progettazione di una città “a misura d’albero”   Pini di Aleppo nella Riserva Naturale Regionale "Pineta dannunziana" di Pescara - Foto di Alberto Colazilli   Le radici identitarie della Città di Pescara affondano saldamente nel Pino d'Aleppo, una specie arborea  simbolo di un paesaggio culturale che si è delineato nel corso dei secoli e che ha disegnato...
Written on 16/05/2016, 14:12 by admin
il-pino-di-aleppo-albero-simbolo-di-pescara-grande-successo-dell-evento-la-pineta-d-avalos-e-i-pini-di-pescaraComunicato stampa del 16-05-2016 Il Pino di Aleppo albero simbolo di Pescara Grande successo dell’evento  "la Pineta d'Avalos e i pini di Pescara" : 12-17 maggio -Aurum-   Un bellissimo Pino di Aleppo a Pescara - Foto di Alberto Colazilli   Il ciclo di conferenze  "la Pineta d'Avalos e i pini di Pescara", organizzato da Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio e Pro Natura in collaborazione con le maggiori Associazioni ambientaliste abruzzesi, la SIA (Società Italiana...
Written on 03/05/2016, 23:39 by admin
una-nuova-politica-per-la-gestione-del-verde-urbano-a-pescara-lo-chiedono-wwf-conalpa-fai-e-pro-natura-abruzzoComunicato Stampa congiunto del 3 maggio 2016 La chiedono a gran voce a Pescara WWF, Conalpa, FAI e Pro Natura “Una nuova politica per la gestione del verde urbano” Le consultazioni vanno fatte in sede di programmazione e non solo per affrontare le emergenze   Affascinante scorcio paesaggistico della "Bella Pescara" su Viale Regina Margherita. Foto di Alberto Colazilli   Una politica diversa per la gestione del verde urbano. È questo quello che chiedono WWF...
Written on 25/02/2016, 21:35 by admin
a-penne-pe-la-stroncatura-di-numerosi-alberi-rovina-il-paesaggioA Penne (PE) la stroncatura  di numerosi alberi rovina il paesaggio      Sbrancatura di alberi lungo la circonvallazione di Penne - Foto di Alberto Colazilli    Lungo la SS81, in corrispondenza di Via Clemente De Caesaris diversi alberi di Robinia  pseudacacia, Olmo, Gleditzia triacanthos e Tiglio sono stati irrimediabilmente rovinati da una pesante stroncatura dei rami, provocando un rilevante danno d'immagine allo stesso paesaggio pennese. Le associazioni ecologiste...
Written on 29/01/2016, 16:47 by admin
protocollo-d-intesa-tra-comune-di-loreto-aprutino-e-co-n-al-pa-onlus-per-la-tutela-e-valorizzazione-del-verde-urbano-e-del-paesaggioFirmato protocollo d'intesa tra Comune di Loreto Aprutino e Co.N.Al.Pa. Onlus per la tutela e valorizzazione del verde urbano e del paesaggio.     Alberi di acero rovinati dalle capitozzature - Foto di Alberto Colazilli    A Loreto Aprutino è stato sottoscritto il  Protocollo d'intesa tra l’Amministrazione Comunale  e il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus per la tutela e valorizzazione del verde pubblico e del paesaggio.Scopo del protocollo  è quello di...
Written on 08/01/2016, 19:58 by admin
a-pescara-servono-piu-alberi-contro-lo-smogA Pescara servono più alberi e giardini per combattere inquinamento e smog. Il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio ONLUS e l'Organizzazione Regionale Pro Natura Abruzzo intervengono su inquinamento e smog nella città abruzzese.    Il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus e l'Organizzazione Regionale Pro Natura Abruzzo intervengono in merito alla difficile situazione dell'inquinamento e dello smog a Pescara che continua a rimanere  allarmante con disagi per...
Written on 26/11/2015, 22:50 by admin
contro-l-alberofobia-intervista-di-eno-santecchia-al-presidente-di-co-n-al-pa-alberto-colazilli-sulla-tutela-del-verde-in-cittaContro l'alberofobia... e i barbari armati di motosega Intervista di Eno Santecchia al Presidente del Co.N.Al.Pa. Alberto Colazilli sulla tutela del verde in città         L'intervista è pubblicata sul sito  http://www.storieeracconti.it/2015/11/contro-i-barbari-armati-di-motosega/   Scarica l'intervista in formato pdf
Written on 19/08/2015, 14:05 by admin
alberi-usa-e-getta-quando-il-piantare-alberi-viene-trasformato-in-strumentalizzazione-politica-o-momento-per-apparireALBERI USA E GETTA. Quando il piantare alberi viene trasformato in semplice strumentalizzazione politica o momento per apparire.      Un albero collassato per mancanza di cure in ambiente cittadino.    Molto spesso il lavoro di piantare alberi viene trasformato volutamente in strumento di propaganda che non ha nulla a che vedere con l'aspetto tecnico-scientifico e con le esigenze di cui hanno veramente bisogno questi esseri viventi. Sembra incredibile ma in Italia questo...
Written on 09/08/2015, 23:00 by admin
piralide-del-bosso-le-regole-per-combatterla-e-prevenirlaPiralide del Bosso.Le regole per combatterla e prevenirla.   Un cespuglio di Buxus sempervirens colpito dalla Piralide del Bosso   La Piralide del Bosso (Cydalima perspectalis) è un bruco defogliatore di origine asiatica che attacca e distrugge le siepi e gli alberi di questa pregiata specie vegetale.In Europa e in Italia la Piralide ha già provocato seri danni dal punto di vista sia estetico che economico colpendo siepi storiche e arbusti pluridecennali o secolari di Buxus...
Written on 04/08/2015, 17:26 by admin
la-pessima-gestione-delle-alberature-in-citta-e-la-prima-causa-dei-crolli-e-dei-disastriLa cattiva gestione delle alberature in città  è la prima causa dei crolli e dei disastri.      Foto dei crolli di alberi a Firenze durante la tromba d'aria del 1 agosto 2015 (foto by firenze.repubblica.it)     Sabato 1 agosto 2015 un terribile tornado di potenza inaudita fa strage di alberature e provoca ingenti danni a Firenze. Ancora una volta la natura si sfoga sugli uomini con distruzione spietata senza risparmiare nulla. Successivamente, come già accaduto in...
Written on 06/06/2015, 11:49 by admin
viale-nettuno-a-francavilla-al-mare-e-un-bene-storico-e-paesaggistico-di-grande-valore-che-va-tutelatoViale Nettuno a Francavilla al Mare è un bene storico e paesaggistico di grande valore che va tutelato     Le dichiarazioni del Co.N.Al.Pa. Onlus sul Centro del 6 giugno 2015   Il Viale Nettuno, per la sua lunghezza (circa 3 km) e per la particolarità di essere contornato da decine di alberature di pregio naturalistico ed estetico, può essere tranquillamente inserito tra i Viali alberati più belli d’Abruzzo e può essere annoverato anche tra i viali verdi più interessanti...
Written on 27/03/2015, 15:13 by admin
la-morte-di-nonno-pino-ucciso-perche-pericolosoLa morte di "Nonno Pino", ucciso perchè pericoloso!     E' incredibile come un grande albero possa diventare un ricordo, un protagonista positivo, un amico in tanti momenti belli, difficili o emozionanti. Quante suggestioni intorno a un grande albero, eppure noi piccoli uomini siamo così distratti che neanche ci accorgiamo di come la Natura voglia sempre circondarci con la sua energia positiva, lavorando incessantemente ogni giorno per la nostra sanità fisica e...
Written on 27/03/2015, 10:27 by admin
capitozzature-a-cepagatti-pe-lungo-la-sp-18Capitozzature a Cepagatti (PE) lungo la SP-18   Nuove orrende capitozzature sono state perpetrate contro alberature lungo la SP-18 a Cepagatti con gravi danni a esemplari di Frassino, Albero di Giuda, Prunus cerasifera pissardi, Ibisco siriaco e querce. La motosega non ha risparmiato neanche i rami dei prunus che erano in procinto di fiorire e le rigogliose chiome degli alberi di giuda che avrebbe trasformato la strada in una splendida tavolozza di colori. Siamo di fronte a una...
Written on 27/03/2015, 10:10 by admin
capitozzature-a-loreto-aprutino-compromesso-il-verde-pubblico-urge-un-regolamento-del-verdeCAPITOZZATURE A LORETO APRUTINO (PE). COMPROMESSO IL VERDE PUBBLICO CITTADINO URGE UN REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE     Le associazioni ecologiste Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus  e Pro Natura Abruzzo esprimono la propria preoccupazione per le cattive potature che stanno ultimamente colpendo il patrimonio arboreo di Loreto Aprutino (PE). Interventi di capitozzatura sono stati eseguiti in  Via Cappuccini, Via Pretara e  Via degli Aquino, da sempre...
Written on 24/12/2014, 00:15 by admin
trasformare-un-araucaria-in-palma-adesso-si-puo-e-va-oltre-i-peggiori-incubiTrasformare un'Araucaria in palma! Adesso si può... e va oltre i peggiori incubi! Accaduto a San Giorgio a Cremano (NA) SCEMPIO DELL'ANNO 2014.     Un mostruoso esemplare di Auraucaria-palma. (Foto di Pierandrea Bentivoglio)   Agli inizi di dicembre 2014 ci siamo imbattuti per caso su Facebook in una sconcertante fotografia di un "mostro" vegetale che al primo colpo non si riusciva a capire cosa fosse. Poi, attraverso i numerosi e indignati commenti degli addetti ai...
Written on 23/12/2014, 23:30 by admin
torturare-gli-alberi-con-le-motoseghe-e-la-chiamano-potaturaTigli a San Giorgio del Sannio (BN) Torturare gli alberi con le motoseghe. E la chiamano "Potatura"!   Riceviamo e pubblichiamo un dossier fotografico del Comitato Cittadini per la Trasparenza e la Democrazia di San Giorgio del Sannio (BN). Come si può vedere la "moda" di torturare gli alberi con le motoseghe continua dilagante in ogni parte d'Italia. Come associazione abbiamo già più volte sottolineato come questo modo di operare non è assolutamente da definire "potatura" ma...
Written on 23/12/2014, 21:41 by admin
il-pino-coricato-di-pescara-un-albero-straordinario-e-dimenicatoIl "Pino coricato" di Pescara. Un albero straordinario e dimenticato.   Nel Parco ex-Di Cocco a Pescara c'è un vero gioiello naturalistico, un Pino di Aleppo che la natura ha trasformato in un singolare albero strisciante sul terreno che è stato battezzato "il Pino coricato". Da tempo le associazioni ecologiste Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio ONLUS e Pro Natura Abruzzo cercano di puntare i riflettori su questo  esemplare arboreo che sembra quasi uscito da un...
Written on 28/11/2014, 22:43 by admin
Abbattimento alberi nella scuola I.C. G. Pallavicini a Roma. Novembre 2014  Riceviamo e pubblichiamo queste deprimenti fotografie di abbattimenti di alberi di pioppi all'interno del giardino della Scuola IC G. Pallavicini a Roma Viale Don Pasquino Borghi – Municipio 9 (ex 12). L'eliminazione degli alberi è avvenuta il 12 e 13 novembre 2014 e gg. successivi.
Written on 28/11/2014, 22:40 by admin
Abbattimenti alberi ad Aprilia (LT)   Riceviamo e pubblichiamo fotografie di abbattimenti nel Comune di Aprilia (LT) pervenuteci dal Comitato per la Città degli Alberi.   
Written on 20/11/2014, 19:06 by admin
il-pinus-pinea-simbolo-del-paesaggio-italico-alcune-regole-per-gestirloIL PINUS PINEA Il simbolo del paesaggio italiano Alcune regole fondamentali per la cura e la manutenzione     Pinus pinea monumentale - Foto di Alberto Colazilli. Archivio Co.N.Al.Pa. 2012   Il Pinus pinea è il simbolo del paesaggio italiano, da sempre amato da artisti famosi come Claude Lorrain e William Turner e Camille Corot che lo hanno immortalato in tantissimi quadri. E’ l’albero simbolo del paesaggio archeologico italico, compare in qualsiasi cartolina del Bel Paese...
Written on 13/10/2014, 14:43 by admin
allarme-abbattimento-pini-a-albiniaALLARME ABBATTIMENTO PINI DOMESTICI A ALBINIA DI ORBETELLO.    Riceviamo e pubblichiamo foto di meravigliosi Pinus pinea che saranno abbattuti nei prossimi giorni lunga la Via Maremmana di Albinia, frazione nel comune di Orbetello, per un progetto di pedonalizzazione della strada. Si tratta di esemplari in ottimo stato di salute, con chiome verdeggianti.   
Written on 30/08/2014, 15:17 by admin
il-pioppo-anastasio-un-grande-albero-salvato-a-pescaraIL PIOPPO ANASTASIO Un grande albero salvato a Pescara   Questo è il pioppo Anastasio e voglio raccontarvi la sua storia.   Da questa primavera, in vista delle elezioni, Pescara è stata interessata da lavori di urbanizzazione e di ristrutturazione stradale e nella foga di tutto ciò, chi ne ha fatto le spese, come spesso accade, è sempre il nostro patrimonio arboreo (che, soprattutto da chi amministra i "pubblici affari" viene percepito come ingombro più che come risorsa)....
Written on 10/08/2014, 01:07 by admin
il-terrore-dei-pini-quando-una-specie-arborea-viene-volutamente-trasformata-in-un-potenziale-killer-omicidaIl terrore dei pini! Quando una specie arborea viene volutamente trasformata in un potenziale killer omicida!   Un bel esemplare di Pinus halepensis, uno degli alberi più odiati in assoluto e continuamente perseguitato. Foto Alberto Colazilli - 2013 (Archivio Co.N.Al.Pa.)   Che ci sia una generale paura degli alberi è ormai realtà che si tocca con mano in tutta Italia. Ci sono persone che hanno terrore della stessa ombra di un albero, ossessionate dalla sua imminente...
Written on 28/05/2014, 21:27 by admin
wwf-e-conalpa-denunciano-gli-ennesimi-albericidi-a-chietiComunicato del 28 maggio 2014   WWF e CONALPA denunciano gli ennesimi “albericidi” a Chieti Abbattuti i pini di viale Abruzzo: un danno al patrimonio e alla salute dei cittadini   Albericidio a Chieti Scalo - Foto WWF Chieti   La Giunta Di Primio continua imperterrita nella sua “guerra” agli alberi, a dispetto della normativa nazionale (legge 10/2013) che prevede una serie di obblighi di potenziamento e di tutela del verde urbano, in particolare per i Comuni al di...
Written on 20/12/2013, 00:41 by admin
e-lecito-festeggiare-la-nascita-di-gesu-bambino-con-un-albero-abbattutoE' lecito festeggiare la nascita di Gesù Bambino con un albero abbattuto?   Un albero di Natale abbattuto. Foto da: http://www.avolablog.it/2013/12/albero-di-natale-in-piazza-e-subito-polemica.html   Giorni fà Papa Francesco ha detto che l'albero di Natale è un segno di gioia che ci richiama alla gioia  più grande: la nascita di Cristo. Potete leggere il testo completo sulla...
Written on 08/12/2013, 23:29 by admin
a-natale-riesplode-la-moda-degli-alberi-morti-decorati-a-festaA Natale riesplode la moda degli alberi morti decorati a festa.Migliaia sono gli abeti uccisi per abbellire le piazze d'Italia.   http://www.ansa.it/web/notizie/videogallery/italia/2013/12/05/Vaticano-arriva-albero-Natale_9729582.html   Arrivano le feste natalizie e torna la moda degli alberi Natale, o meglio, la moda degli alberi morti decorati per le feste. Quasi epico, quest'anno, il posizionamento del monumentale albero di Natale a Piazza del Duomo a Milano. Questo...
Written on 25/11/2013, 18:43 by admin
L'uso delle micorrize nel vivaismo e nel verde urbano Secondo la letteratura di settore internazionale, le piante devono essere considerate i più validi alleati nella lotta ai cambiamenti climatici. di Francesco Ferrini Gli alberi possono assimilare notevoli quantità di carbonio atmosferico (fino a 93 kg per pianta per anno, per esemplari di grandi dimensioni e in buono stato di salute, secondo Konijnendijk, 2007) e fissare inquinanti quali ozono,...
Written on 25/11/2013, 18:33 by admin
compost-come-pacciamante-buoni-risultati-e-studi-da-sviluppare Compost come pacciamante, buoni risultati e studi da sviluppare   Le normative europee obbligano a utilizzare sempre meno agrofarmaci. L'uso della pacciamatura può aiutare e garantisce buoni risultati     di Francesco Ferrini L' uso del compost per il terreno come materiale da pacciamatura può aumentare il successo nelle fasi di costituzione e gestione di impianti nelle  aree verdi urbane. I costi possono essere ridotti, in particolare nella fase di gestione, ma...
Written on 25/11/2013, 18:30 by admin
fertilizzazione-in-ambiente-urbano-pratica-che-necessita-ricerca Fertilizzazione in ambiente urbano: pratica che necessita ricerca La carenza di test certi, porta alla diffusione di dati non sempre corretti, vista la moltitudine di specie utilizzate in suoli assai diversi di Francesco Ferrini   L’apporto di nutrienti agli alberi piantati in ambiente urbano mediante l’aggiunta di fertilizzanti minerali è un argomento che suscita opinioni. I dati sperimentali e l’esperienza pratica evidenziano che i differenti risultati possono...
Written on 25/11/2013, 18:26 by admin
l-efficienza-irrigua-nella-gestione-delle-aree-verdi-di-francesco-ferrini L'efficienza irrigua nella gestione delle aree verdi Dall'utilizzo di acque reflue, alla scelta delle giuste piante. Tanti sono i fattori da considerare nella progettazione dei sistemi di irrigazione. Una sola certezza: farà sempre più caldo   di Francesco Ferrini Le condizioni ambientali globali sono cambiate nel corso del secolo scorso, con un aumento di quasi un grado della temperatura della superficie terrestre. Il livello del mare si è alzato, mentre la...
Written on 15/11/2013, 12:09 by admin
Il valore degli alberi e una presa di coscienza diffusa Le piante in città non sono solo un costo. I tecnici lo sanno mentre i cittadini e i politici, spesso, no. I problemi della comunicazione di settore   di  Francesco Ferrini   Che si creda o no che il cambiamento climatico rappresenti una reale minaccia, è evidente a tutti che la presenza di alberi e la loro gestione appropriata hanno un ruolo rilevante in ogni soluzione che sia basata su metodi scientifici e che, al...
Written on 03/08/2013, 23:27 by admin
citta-di-pescara-parcheggio-senza-alberi-e-senza-ombraCittà di Pescara. Parcheggio senza alberi... e senza ombra!   3 agosto 2013. Il grande parcheggio della Stazione Centrale di Pescara è un forno dove le temperature estive superano i 40 gradi, un'immensa distesa di cemento e asfalto dove non c'è neanche un albero, un arbusto o una siepe per abbellirlo o per fare ombra sulla moltitudine di macchine. Chiediamo come mai, nonostante la presenza di aiuole, il Comune di Pescara non pianta centinaia di alberi e arbusti che, oltre a...
Written on 23/05/2013, 23:00 by admin
COMUNICATO STAMPA CONALPA 17.5.2013   Continuano gli scempi sulle alberature stradali nel Comune di Pescara, una di quelle poche città che hanno il lusso di utilizzare un Regolamento del Verde Urbano. Anche questa primavera tale normazione, entrata in vigore nel 2007, è stata infranta varie volte, in quanto gli alberi, che in questo periodo dell'anno ovviamente erano in pieno rigoglio, senza rami secchi e in salute, sono stati capitozzati (cioè decapitati, privati di tutta la...
Written on 20/05/2013, 22:58 by admin
il-valore-ornamentale-del-verde-nella-strada-parco-di-pescara    
Written on 10/05/2013, 11:36 by admin
eucaliptus-abbattuti-a-nettunoEUCALIPTUS  ABBATUTI  A  NETTUNO              ABBIAMO VOLUTO SCEGLIERE QUESTE FOTO SCONVOLGENTI  PERVENUTECI  DA NETTUNO E RAFFIGURANTI  I  RESTI DI GROSSI EUCALIPTUS DISTRUTTI.         SI TRATTA DI FOTO EMBLEMATICHE  DI UN'ITALIA CHE VA ALLA DERIVA.           IMMAGINI CHE FANNO MALE AL CUORE E CHE DOVREBBERO FARCI RIFLETTERE!
Written on 14/02/2013, 12:53 by admin
ALBERI CAPITOZZATI A LORETO (AN) NELLE MARCHE   La segnalazione e le foto ci arrivano da Loreto (AN) nelle Marche. Alberi capitozzati ormai privi di dignità e valore. Va sempre peggio!
Written on 20/01/2013, 14:19 by admin
Il CO.N.AL.PA. condanna il massacro dei Tigli lungo la Via Salaria (AP) Il CO.N.AL.PA. condanna aspramente il taglio di giganteschi tigli lungo la Via Salaria, all'altezza di Monsampolo (AP). La segnalazione ci parla del sacrificio di almeno 10 esemplari di tiglio di oltre 70 anni di età e in ottimo stato di salute che fino a poco tempo fà abbellivano con stupende gallerie verdi ampi tratti della Salaria. Dalle foto pervenuteci si può notare la gravità dell'intevento. Si tratta...
Written on 19/12/2012, 01:00 by admin
Loreto Aprutino - Il verde che non c'è! Passeggiare per alcune vie importanti di Loreto Aprutino e vedere come ci sia un elogio di alberi secchi, aiuole vuote e senza verde... carenza di parchi pubblici. Eppure basterebbe poco per trasformare questa cittadina in un piccolo paradiso! Reportage fotografico realizzato da Alberto Colazilli nel dicembre 2012.    
Written on 19/08/2012, 19:04 by admin
SALVIAMO  LE  PASSEGGIATE  ALBERATE DEL  TALVERA  A  BOLZANO         NON SONO TRANQUILLO       In città, nel suo cuore, è previsto un cantiere che metterà a nudo il muro d’argine del torrente Talvera.Per costruire un parcheggio sotterraneo almeno 20.000 m3  di terreno che, all’esterno dell’alveo, aiutano il muro a sostenere la pressione dell’acqua dalla parte del torrente e ne assorbono le infiltrazioni, saranno asportati definitivamente per fare spazio ad una scatola...
Written on 06/06/2012, 18:52 by admin
Gli alberi di Camerino         Nelle città italiane, stando all'ultimo rapporto Ecosistema Urbano del WWF, diminuiscono i Comuni con una superficie a verde fruibile inferiore a 5 m2 per abitante; basta questo semplice dato per capire come sia divenuta ormai difficile e problematica la gestione degli alberi e del verde in un centro urbano. In Italia le città si ingrandiscono divorando con le loro colate di cemento ed asfalto sia il verde che i migliori terreni coltivabili....
Written on 10/12/2011, 10:59 by admin
consigli-per-rispettare-gli-alberi-di-natale-di-alberto-colazilli-e-kevin-cianfaglione  Consigli per rispettare  gli "Alberi di Natale" Alcune importanti regole tecniche e scientifiche per rendere la festività natalizia sempre più verde nel rispetto degli alberi          Ogni anno, a partire dalla seconda metà di novembre fino alla prima metà di gennaio, si consuma il calvario di milioni di alberelli di Natale, sacrificati per rendere sempre più emozionante e divertente le festività. Il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio ONLUS, attraverso il...
Written on 12/11/2011, 01:00 by admin
LE POTATURE SELVAGGE A LORETO APRUTINO (PE) Novembre 2011   A Loreto Aprutino (PE) stamattina sono stati capitozzati decine di oleandri e Lecci in ottimo stato di salute nella centralissima Via dei Normanni, proprio nel centro storico. Tagli veramente indiscriminati senza alcun criterio tecnico, senza la supervisione di nessun agronomo, paesaggista, botanico o esperto di alberi. Eppure il CONALPA si era proposto di effettuare consulenze gratuite agli operai nel caso di...
Written on 19/10/2011, 22:45 by admin
Comunicato stampa 19-10-2011           GLI ALBERI STORICI DELLA SS-81   TRA PENNE E LORETO APRUTINO (PE)   SONO TUTTI IN PERICOLO DI ABBATTIMENTO                   Staff CO.N.AL.PA.   (Comitato Nazionale per gli Alberi e il Paesaggio)      
Written on 19/06/2011, 22:15 by admin
l-albero-giusto-di-franco-tassi

GIARDINI D'ITALIA TRA STORIA, TUTELA, ARCHITETTURA E ARTE DEL GIARDINO

 

Cascatativoli1

 

Alla scoperta dei parchi e giardini d'Italia  attraverso la storia, l'architettura e l'arte dei giardini,  per conoscerne le particolarità, le meraviglie, le problematiche, i progetti di tutela e valorizzazione. 

L'IMPORTANZA DEGLI ALBERI

Ecologia, tutela e valorizzazione

 

Casertaparco1web 

Rubrica dedicata all'importanza naturalistica ed ecologica degli alberi 

PAESAGGI CULTURALI

 

Img 1250traboccoweb

 

Scoprire il valore storico e culturale di alcuni famosi paesaggi italiani che sono stati resi celebri da artisti e da grandi scrittori e viaggiatori

Area riservata utenti

Registrati al sito per accedere all'Area Riservata e alla Biblioteca del Co.N.Al.Pa. Onlus

Norme sul Copyright

Il materiale contenuto in questo sito, incluse fotografie, immagini, illustrazioni e testi, e’ protetto da copyright, trademarks e/o altri diritti di proprieta’ intellettuale (appartengono all'associazione Conalpa). Il sito nel suo complesso e’ protetto da copyright e da altri diritti di proprieta’ intellettuale. Tutti i diritti sono riservati.

I contenuti delle pagine del sito non possono essere replicati, neanche parzialmente, su altri siti web, mailing list, newsletter, riviste cartacee e CD-ROM senza la preventiva autorizzazione dell'associazione Conalpa, indipendentemente dalle finalita’ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto, e si ritiene accettata soltanto con un preciso assenso per iscritto. Il silenzio non da’ luogo ad alcuna autorizzazione.

E' consentita la citazione a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purchè sia accompagnata dal nome dell'associazione Conalpa e dall'indicazione della fonte compreso URL www.conalpa.it

ALBERI E GIARDINI NELL'ARTE

   

Turner Golden Bough1834web

  

La rubrica vuole far scoprire gli alberi e i giardini attraverso la loro rappresentazione nelle opere d'arte, con particolare riferimento alle scuole di pittori e ai grandi artisti che hanno costellato la storia dell'arte e l'evoluzione dei giardini. 

Dona il tuo 5x1000 a Co.N.Al.Pa.

Conalpa Onlus Logo Web

Con la Dichiarazione dei redditi puoi sostenere il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus. Per farlo, indica nell’apposito spazio della Dichiarazione

il Codice Fiscale della nostra associazione: 

91112670681

La rivista "Fratello Albero"

sfogliabile on-line

 

Fronte1

 

Numero 8 

SPECIALE

PRIMAVERA - ESTATE

2017

 

La rivista ufficiale del Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio ONLUS.

Storia, arte, natura, cultura sui grandi alberi, sui giardini e sul paesaggio.

PER POTER SCARICARE TUTTI I NUMERI DELLA RIVISTA

REGISTRATI AL SITO DEL CONALPA

Iscriviti newsletter Co.N.Al.Pa.

Inserisci nome utente e indirizzo E-mail per ricevere le NEWSLETTERS dal sito CO.N.AL.PA. Non riceverai alcuna informazione di carattere commerciale ma solo articoli su alberi, paesaggio e ambiente in generale
Privacy e Termini di Utilizzo

Presentazione libro:

"L'importanza degli Alberi e del Bosco"

 

Presentazione Libro Copertine

 

Il libro "L'importanza degli alberi e del bosco" è un'opera monumentale in due volumi tutta dedicata ai grandi alberi, alle foreste, alla bellezza del paesaggio a cui hanno partecipato illustri esperti di fama internazionale. Opera curata da Kevin Cianfaglione e Vincenzo Di Martino, richiesta dall'Università di Camerino, dal CEA "Renzo Videsott" Riserva Statale Montagna di Torricchio e dalle Associazioni Smilax Onlus e Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio.

Sostieni il CONALPA Onlus

BANNER SITO ISCRIZIONI E DONAZIONI

Iscriviti a CONALPA
Pixel
Pixel

Coordinamento Nazionale per gli Alberi e il Paesaggio ONLUS

Popolo degli Alberi e dei Giardini

Sede legale: Via Pretara 24, 65014 Loreto Aprutino (PE)

E-mail: alberiepaesaggio@gmail.com. Mobile: 3291521643

Copyright © 2015. All Rights Reserved. Designed by Co.N.Al.Pa. Onlus


DONA IL TUO 5 X 1000 A FAVORE DEGLI ALBERI E DEI GIARDINI: C.F. 91112670681

PER DONAZIONI A FAVORE DEGLI ALBERI E DEI GIARDINI:

IBAN: IT 59 V 06245 77320 CC0310050637