Multilanguage website

Italian Danish Dutch English French German Greek Icelandic Irish Maltese Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish

I danni da decespugliatore su alberi e arbusti

Valutazione attuale: Rating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star BlankRating Star Blank / 0

I danni da decespugliatore su alberi e arbusti

 

4

 Danni da decespugliatore su Corbezzolo - Foto Colazilli

 

Un argomento che è poco dibattuto ma che ha un'importanza rilevante quello dei danni da decespugliatore su alberi e arbusti. Quante volte abbiamo visto nei parchi e giardini giovani alberi o arbusti che hanno delle profonde cicatrici nel colletto o delle ferite ancora fresche da scortecciamento da corda di decespugliatore. Si tratta di un problema dilagante che è causato dalla minima professionalità di certi giardinieri. Oltre a rovinare esteticamente una pianta deturpandone per sempre l'immagine, lo scortecciamento può causare la propagazione di malattie fungine e anche problemi di stabilità. Una pianta sana può reagire in vario modo alla ferita e tutto dipende dalla profondità e dal tipo di tessuto interessato dalla lesione. Nel caso di ferite superficiali, se il cambio o parte di esso di rimane integro, la pianta reagisce formando un tessuto calloso che si estende sull'intera superficie colpita dalla lesione. Nel caso invece di ferite profonde, il danno è importante e la pianta non riesce a richiudere la ferita. Questi continui "colpi di frusta" sono una tortura che si ripete ogni stagione, soprattutto in primavera, quando le erbacce diventano incontenibili. L'albero mette in campo tutte le sue energie per sopravvivere ma non può difendersi da solo contro il giardiniere selvaggio che ogni volta torna a colpire e a provocare ulteriore danno. 

 

1

Danni da decespugliatore su Cercis siliquastrum - Foto Colazilli

 

Le parti dell'albero che possono essere compromesse da un colpo di corda del decespugliatore sono le seguenti: la corteccia, che serve a proteggere l'albero dagli agenti atmosferici e dagli insetti, il libro, che serve a proteggere l'albero dall'umidità; poi c'è il cambio, zona in cui si crea nuovo legno che permette all'albero di crescere e che crea ogni anno nuove fibre; poi l'alburno, in cui avviene il trasporto della linfa dalle radici alle foglie. Nei giovani alberi, se il colpo del decespugliatore è stato violento ed è stata utilizzata una corda particolarmente spessa si può arrivare ad intaccare il cuore del tronco che è il durame. La cattiva manutenzione effettuata con il decespugliatore può essere vettore di pericolose malattie fungine che possono provocare anche la morte dell'albero. Una delle malattie più devastanti che si propaga attraverso il maldestro uso del decespugliatore è il Cancro colorato del Platano, provocato da un fungo, la Ceratocystis fimbriata, che uccide questi alberi. Questa malattia può propagarsi attraverso lo scortecciamento dei colletti e la mancata disinfezione degli strumenti usati in piante malate.

  

3

 Danno da decespugliatore su Cercis siliquastrum - Foto Colazilli

  

Per prevenire questi problemi, la prima cosa è la professionalità dell'operatore. Chi maneggia quotidianamente il decespugliatore dovrebbe essere istruito con corsi di perfezionamento in merito ai danni che questo macchinario può provocare su alberi e arbusti. Poi si possono trovare alcuni accorgimenti a costi minimi, tipo quello di un inserire un pezzo di currogato con un taglio verticale per tutta la sua lunghezza e sistemarlo intorno al colletto della pianta. In questo modo si impedisce qualsiasi scontro della corda con i tessuti dell'albero. Oppure, se si vuole tornare alla vecchia maniera, le operazioni di eliminazione delle erbacce intorno ai colletti possono essere fatte a mano, mettendosi un paio di guandi da giardino.

 

Alberto Colazilli

Paesaggista curatore di parchi e giardini

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Alberi e giardini incrementano il valore economico degli immobili

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 3

Alberi e giardini incrementano il valore economico degli immobili

 

 Parthenocissus

Il verde ornamentale incrementa notevolmente il valore degli immobili - Foto Colazilli


Innumerevoli sono i benefici per i cittadini e per la società  forniti da foreste e parchi in ambiente urbano che, d’altro canto, contribuiscono anche a migliorare la qualità della vita e a produrre notevole ricchezza... L’albero è un bene materiale con  un valore economico quantificabile in base ai suoi  ecoservizi:  riduzione dell'inquinamento e del rumore,  produzione di ossigeno, nonchè miglioramento visivo e bellezza estetica. Con il passare degli anni, un giardino o un filare alberato accrescono il proprio valore e  contribuiscono a un aumento del valore degli immobili. Infatti Il valore di un'abitazione è determinato non solo da fattori intrinseci (stato dell'alloggio, posizione,numero di camere ecc...), dai servizi connessi (vicinanza a trasporti, scuole, luoghi per il tempo libero) ma anche dall’ambiente circostante(presenza di parchi, aria pulita, qualità dell'acqua e bel paesaggio). Gli immobili con copertura arborea, secondo le ricerche condotte negli Stati Uniti dall'U.S. Forest Service e dall'Università di Washington, hanno un incremento di valore pari al 10-20%. L 'aumento del prezzo   è legato anche alla percezione di avere la facoltà di vivere in un ambiente sano e di qualità che ha un positivo effetto sulla salute psico-fisica. 
La presenza di verde è dunque un "valore aggiunto" degli immobili che può influire sul cambiamento del valore di proprietà. In ambiente urbano le proprietà con gli alberi sono maggiormente preferite e se ci sono filari alberati lungo le strade il valore aumenta ulteriormente: nello specifico, secondo gli studi condotti negli Stati Uniti,  il valore di una casa aumenta fino al 10-15% se ci sono alberi maturi nel quartiere , fino al 20% se nei pressi dell’abitazione si trova un parco e fino al 32% se si trovano cinture verdi intorno all’edificio.. Ulteriori  fattori che influiscono sui valori immobiliari sono la cura e la manuntenzione del verde da effettuare con assoluta professionalità: se la manutenzione non è eseguita in maniera adeguata i valori della proprietà possono scendere sensibilmente.
Un altro fattore importante che incrementa il valore degli immobili è la qualità visiva , data dal contesto in cui si trova l'edificio. Un filare alberato con grandi alberi o una foresta urbana forniscono una bellissima visione che migliora la qualità della veduta. Anche la riduzione del rumore è un fattore importante che incrementa il valore immobiliare. La qualità visiva genera piacevolezza, serenità e quindi desiderio di sostare e di godere della veduta. Un'area priva di alberi e giardini non ha la capacità di combattere lo stress psico-fisico e non produce ecoservizi essenziali per il miglioramento dello stile di vita: pertanto ha un valore economico minore. 
In Italia, purtroppo, la situazione rimane sempre molto complessa e la mentalità imperante è quella di dare massimo valore all'abitazione e ai suoi servizi e pochissimo valore al verde o all'inserimento di alberature o pareti vegetali. Troppe volte si assiste a distruzione sistematica di coperture verdi dei muri o a taglio di alberi di fronte alle abitazioni, con una totale perdita del valore estetico degli immobili. In Italia, a causa di una cattiva comunicazione che non valorizza i benefici del verde urbano, esiste un pessimo rapporto tra case e alberi. Abbiamo tante, troppe città "brutte" in cui il processo di "rigenerazione urbana" tramite la copertura vegetale potrebbe essere risolutivo: tuttavia c’è ancora molto lavoro da fare. Alla luce di quanto esposto è necessaria un'attenta riflessione sulla gestione e cura dei nostri paesaggi urbani: la cattiva manutenzione, le potature errate, le capitozzature, gli abbattimenti di alberi, la mancanza di giardini la cementificazione selvaggia possono non solo produrre aumento di stress psico-fisico nei cittadini ma anche deprezzare considerevolmente le abitazioni,  decrementando la qualità di interi quartieri cittadini.

 

Alberto Colazilli 

Paesaggista curatore di parchi e giardini

 

Piera Lisa Di Felice

Biologa esperta di paesaggi naturali e alberi

PinExt
Share

ALBEROFOBIA! Il dossier degli orrori

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 1

ALBEROFOBIA!

Il dossier degli orrori

(Attenzione! Le foto pubblicate potrebbero creare turbamento e ansia!)

 

Stroncatura Alberi Penne5 

Alberi selvaggiamente capitozzati - Foto di Alberto Colazilli

 

La tortura degli alberi sta diventando un problema con implicazioni sociali ed economiche che affligge molte città italiane con danni spesso gravi al patrimonio pubblico e privato. In tante parti, giardini pubblici o privati, ci imbattiamo in squadre di incompetenti armati di motosega che si accaniscono nel peggiore dei modi contro questi esseri viventi incapaci di reagire. 

 

1509025 10153142403311015 3806130125423308605 N

  Eucaliptus distrutti da selvagge capitozzature. - Foto di Nino Gaetano Saurio

 

Con la pessima gestione del verde si vanno a creare potenziali bombe a orologeria pronte a uccidere; gli alberi poi soccombono tra malattie fungine, carie, crescita stentata, collasso ed infine crollo su cose e persone durante i temporali o le tempeste di vento. Spadroneggia il "ribasso" negli appalti pubblici e privati; non ci sono soldi per lavori a regola d'arte e la qualità dell'esecuzione è un antico ricordo in numerosi casi; tutto deve essere fatto di fretta perchè la prima regola è quella di prendere più lavori possibili al di là della professionalità nell'esecuzione. E sono purtroppo in tanti a cadere nel tranello, spinti dalla crisi o dall'ignoranza.  

 

10384020 10205965484406979 8026682256096521946 N

Gelso capitozzato ad appendipanni - Foto di Graziano Asara

 

Alberi Capitozzati3

 Olmo ucciso dalle cattive potature - Foto di Alberto Colazilli

 

E' importantissimo fare distinzione tra incompetenti con la motosega e arboricoltori: i primi usano la motosega per distruggere l'albero senza alcuna pietà; i secondi invece sono i veri esperti dell'albero ed hanno la pazienza e l'accortezza di saper osservare, studiare e intervenire con professionalità e bravura. Importante ricordare che la potatura autentica è quella che non si vede e che non produce danni fitosanitari ed estetici all'albero. 

 

10411027 1548578488729854 8402858326571209470 N

Cedri selvaggiamente capitozzati - foto di Bruno Peli

 

 10898 1548578302063206 9022802646015581008 N

Cedri selvaggiamente capitozzati - Foto di Bruno Peli

 

Stroncatura Alberi Penne6

Olmo selvaggiamente capitozzato - Foto di Alberto Colazilli

 

Sui social network si assiste a una drammatica "galleria degli orrori": alberi in salute che vengono distrutti con una tale raffinata violenza e psicopatia da ricordare le menti malate dei criminali di guerra. Dopo le latifoglie orrendamente capitozzate e torturate, si assiste alla moda di distruggere cedri, abeti, pini, cipressi, araucarie. L'arma della tortura è sempre lei, la motosega, che rende invicibili e onnipotenti questi criminali! La motosega deve tagliare il più possibile! Ma cosa spinge questi psicopatici a compiere simili atti di barbarie contro la natura? Non è soltanto l'ignoranza, in molti casi eclatanti siamo ormai nella sfera della psichiatria, siamo davanti a soggetti che godono nel fare del male agli alberi, che vogliono sfogare la propria frustrazione e la propria rabbia, che vedono nella motosega pazza un modo per dominare, reprimere, distruggere, massacrare. Gli alberi acquistano forme inusuali, fuori da ogni logica, tipiche di un film horror. E' la fiera dell'appendipanni selvaggio, della capitozzatura più veloce e letale, della distruzione sistematica dell' "essere albero" per trasformarlo in un "feticcio", un trofeo da esibire o umiliare se necessario.

 

10961863 1549733191947717 2021334396 N

Alberi capitozzati - Foto di Bruno Peli

 

10966892 1549733208614382 1886749982 N

Alberi capitozzati - Foto di Bruno Peli

 

10984826 1549733211947715 474827688 N

Alberi capitozzati - Foto di Bruno Peli

 

10940475 947061478645392 2843265585856921510 N

Albero torturato - foto di Giovanni David

 

10941042 954094647942075 494335448954872683 N

Gingko Biloba trasformato in appendipanni horror - Foto di Giovanni David

 

E cosa vogliamo dire dei "committenti" di tali lavori? Spesso è lo stesso committente che chiede di tagliare o capitozzare il più possibile. Fobia degli alberi, visione antropocentrica esasperata, elogio del cemento... il dibattito è sempre aperto e in questa "terra di mezzo" possiamo incontrare personaggi di dubbio gusto che ne pensano e ne fanno di tutti i colori! La potatura adesso serve per procurarsi più legna possibile, si vedono interi camion o trattori carichi di ramaglie e tronchi, risultato di questi lavori, che spesso è un ulteriore compenso per i "potatori selvaggi". Chi promuove questo tipo di potatura si difende dicendo che è una questione di sicurezza, ci si appella all'estrema urgenza che in tante situazioni con alberi in ottimo stato di salute non esiste assolutamente. La triste verità è che tramite questa terribile gestione delle potature molti alberi prima sani si trasformano in pericoli per la pubblica incolumità diventando instabili o vettori di malattie per altre piante. 

I danni all'ambiente che derivano da questa cattiva gestione degli alberi sono molteplici: prima di tutto un danno alla sottrazione di CO2 visto che maggiore è la densità fogliare, maggiore l'ecoservizio dell'albero; problemi nella mitigazione dell'effetto calore e del particolato atmosferico PM10; danni economici al patrimonio immobiliare che perde di valore di fronte a questi scempi; danni psicologici alle persone sensibili che si ritrovano a vivere in una galleria degli orrori a cui non riescono a dare un senso, da qui attacchi d'ansia, depressione, senso di frustrazione, senso di sradicamento.

 Araucaria A Forma Di Palma

Araucaria trasformata in palma - Foto di Pierandrea Bentivoglio

 

Questi incompetenti con la motosega sono il prodotto di una società ormai totalmente degradata e degradante, una degenerazione culturale contagiosa e insidiosa che mette a rischio la nostra dignità di esseri umani. Come già detto altre volte, questi crimini sono un'offesa per gli occhi e per lo spirito di chi è costretto ad assistere allo scempio e a dover guardare poi ogni giorno gli orridi feticci.

 2

 Querce torturate - Foto di Alberto Colazilli

 

1

Querce torturate in stile Horror - Foto di Alberto Colazilli

 

Bisogna avere il coraggio e la durezza di far pagare i danni a questi criminali del verde che operano "contro natura", creare una legislazione ad hoc dura e implacabile che vada a punire questo cattivo modo di gestire gli alberi in città e nel paesaggio.

La famosa Legge 10 del 14 gennaio 2013 relativa agli spazi verdi urbani, precisamente nell' Art.6. Punto 1 recita. "Ai fini di cui alla presente legge, le regioni, le province e i comuni, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze e delle risorse disponibili, promuovono l'incremento degli spazi verdi urbani, di «cinture verdi» intorno alle conurbazioni per delimitare gli spazi urbani, adottando misure per la formazione del personale e l'elaborazione di capitolati finalizzati alla migliore utilizzazione e manutenzione delle aree, e adottano misure volte a favorire il risparmio e l'efficienza energetica, l'assorbimento delle polveri sottili e a ridurre l'effetto «isola di calore estiva», favorendo al contempo una regolare raccolta delle acque piovane..."

Successivamente, al punto g) dell'articolo  6 si legge che regioni, province e comuni promuovono la "creazione di percorsi formativi per il personale addetto alla manutenzione del verde, anche in collaborazione con le universita', e alla sensibilizzazione della cittadinanza alla cultura del verde attraverso i canali di comunicazione e di informazione."

In pratica quello che sta succedendo è che la Legge 10 nell' Art.6 detta disposizioni ben precise per la corretta gestione del verde urbano, prevedendo la formazione degli addetti alla manutenzione, ma tutto questo non è preso in considerazione da moltissimi comuni e nelle Regioni, mancando lo spirito dell'attuazione della legge. Insomma, è una problematica più culturale che di mancanza di leggi. Non c'è volontà al controllo del verde e non si rispettano i regolamenti comunali. E tale incertezza non fa che dare forza ai potatori selvaggi. 

 4

Un povero frassino torturato dalle motoseghe - Foto di Alberto Colazilli

 

 6

 Composizione di Platani capitozzati. Esaltazione del potere della motosega - Foto di Alberto Colazilli

 

Nei regolamenti del verde comunale si legge spesso che la capitozzatura è vietata sugli alberi. In realtà, questi "malati" del taglio se ne fregano di un regolamento e approfittano del fatto che nessuno interviene con approfonditi controlli.

 

7

Cedri torturati - Foto di  Mordecai Bloodwing 

 

10934051 328596837349572 8572440773625893662 N

Cedro capitozzato - Foto di Emanuele Polato

 

Chioma Pino4

Pino di Aleppo torturato - Foto di Alberto Colazilli

 

Chioma Pino2

Pino domestico - Foto di Alberto Colazilli

 

Chioma Pino3

Pini domestici torturati - Foto di Alberto Colazilli

 

Alberi Fiore Capitozzati Cepagatti

Prunus in fiore capitozzato - Foto di Alberto Colazilli

 

11

 Albero di Giuda duramente capitozzato - Foto di Alberto Colazilli

 

8

Albero di Ibisco torturato - Foto di Alberto Colazilli

 

Alberi Capitozzati4

Albero di Olmo collassato per cattive potature - Foto di Alberto Colazilli

 

Foto0945web

Albero di Robinia completamente distrutto dalle potature

 

IMG 0930

Platani rovinati da cattive potature - Foto A. Colazilli

 

10

Albero di Frassino orrendamente mutilato - Foto A. Colazilli

 

La soluzione a questa follia sta solo in una buona educazione e in un senso di civiltà, due cose fondamentali che stanno scomparendo. Una Nazione civile si vede anche da come gestisce il suo verde pubblico e privato. I bravi professionisti in Italia sono visti come una razza aliena che appartiene all'iperuranio e in questo delicato settore purtroppo il nostro Bel Paese rischia di scivolare sempre più in un inferno di incertezza e incompetenza. 

 

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio ONLUS

PinExt
Share

Le principali regole per la corretta potatura degli alberi

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 9

Le principali regole per la corretta potatura degli alberi 

 

 

Grande Albero Sacro2012

Esemplare di Quercia con una chioma ancora allo stato naturale - Foto di Alberto Colazilli


La potatura deve migliorare l'albero

La potatura è un'operazione molto seria che svolge un ruolo fondamentale nella corretta gestione degli alberi. E' un'arte a tutti gli effetti che implica un fattore molto importante: l'osservazione e lo studio dell'albero in tutte le sue particolarità. Per molte amministrazioni pubbliche e per tanti privati cittadini la cura delle alberature diventa spesso un problema insormontabile o addirittura motivo di ansia e di stress. Sono troppi poi i "giardinieri della domenica" che si improvvisano potatori causando danni per migliaia di euro su alberi di pregio e peggiorando sempre di più il settore del giardinaggio e dell'arboricoltura.

Una mentalità estremamente difficile da combattere è quella che vuole l'albero drasticamente potato, cambiato nei suoi connotati, seguendo la logica della "messa in sicurezza". In realtà, quando si sente questo termine applicato agli alberi c'è da preoccuparsi; si mette in sicurezza una casa, un palazzo o un ponte che sono cose statiche create con materiale inerte. Per gli alberi, che sono esseri viventi, bisognerebbe avere un approccio molto meno drastico e più di rispetto, smettendola di vederli sempre come oggetti di arredo urbano. Gli alberi, lo ricordiamo per l'ennesima volta, sono dei formidabili alleati nella lotta all'inquinamento, sono produttori di ossigeno e sono fissatori della CO2.

Gli alberi si potano nel periodo di riposo vegetativo che va dal mese di novembre alla prima metà di marzo. Potare gli alberi quando sono in fioritura o in vegetazione provoca seri danni derivanti dalla diminuzione di fotosintesi clorofilliana. Gli unici interventi da fare in primavera-estate sono dedicati alla eliminazione di rami morti o malati e alla asportazione di succhioni e polloni.   

Secondo la moderna arboricoltura gli alberi non devono mai essere drasticamente potati, ma anzi bisogna rispettarne scrupolosamente la forma e le dimensioni per evitare danni biologici. La potatura, nel suo significato più alto, dovrebbe migliorare l'aspetto della pianta e il suo stato di salute.  Secondo le ultime ricerche scientifiche la miglior potatura è quella che non si vede, che si adegua alla struttura dell'albero, che tende ad alleggerire il superfluo, eliminando il secco e i rami rovinati, rinforzando le ramificazioni e permettendo il passaggio della luce in ogni punto della chioma. Per non provocare danni all'albero bisognerebbe eliminare appena il 20 percento della chioma dell'albero, soprattutto nel caso di alberi monumentali, filari storici e esemplari di pregio storico e paesaggistico. Preservare l'integrità della chioma di un albero è di fondamentale importanza anche nella lotta al particolato atmosferico che viene intercettato dalle ramificazioni. 

Un ottimo intervento di potatura è quello effettuato tramite il Tree Climbing che permette di operare in maniera approfondita all'interno della chioma dell'esemplare. I classici cestelli, particolarmente ingombranti, in molti casi non permettono un lavoro dettagliato e, soprattutto per i grandi alberi, possono essere usati solo per interventi sulle aree periferiche della chioma. 

 

Quercia Pollutri1

Esemplare di Quercia con la chioma al naturale - Foto di Alberto Colazilli

 

La potatura drastica compromette la salute degli alberi

L'albero ha un valore sia naturalistico che economico quindi  qualsiasi intervento inadeguato va a depauperare anche dei beni ambientali molto costosi e importanti per l'abbellimento estetico di una città o di un giardino. La capitozzatura, spesso, viene vista come potatura veloce ed economica che fa risparmiare tempo e finanziamenti agli amministratori e ai cittadini. In realtà non è assolutamente così. La pratica della capitozzatura. attraverso l'eliminazione di gran parte della chioma dell'albero, produce moltissima legna che in molte situazioni viene utilizzata come mezzo per risparmiare consentendone la raccolta da parte delle squadre di potatori.

La potatura drastica  è molto utilizzata perchè si approfitta dell'ignoranza di amministratori e cittadini e non si lavora affatto sulla comunicazione e sull'educazione, spiegando che quello che si sta facendo è totalmente errato. E' assolutamente falso il detto  che bisogna fare grossi tagli così la pianta si rafforza e si ringiovanisce. I risvolti di questo tipo di interventi si vedono con il passare degli anni, quando le alberature iniziano a trasformarsi in pericolo per cose e persone con lo sviluppo di carie del legno, malattie fungine, produzione di ramificazioni strutturalmente deboli che possono rompersi al primo temporale o nevicata oltre alla crescita stentata e al collasso dell'albero.

La capitozzatura degli alberi provoca danni ambientali con perdita di valore dell'albero come ecosistema; danni estetici con perdita di bellezza dell'albero e quindi del suo valore storico, culturale ed economico; danni strutturali perchè l'albero diventa un pericolo per cose e persone. La perdita di valore economico degli alberi può compromettere anche lo stesso valore turistico di un luogo, di un paesaggio o di una proprietà.

Perchè la capitozzatura è dannosa e pericolosa:  

1) Alberi capitozzati o drasticamente potati non riescono a rimarginare totalmente le proprie ferite. Gli esemplari, a lungo andare, posso deperire, colpiti  da seccume, stress vegetativo, collasso e ad attacchi patogeni, come malattie e carie del legno.

2) Gli alberi capitozzati vanno incontro a stress da irraggiamento perché sprovvisti totalmente delle ramificazioni che sono importanti per proteggere il tronco e le radici dai raggi del sole. Queste "scottature" dei tessuti della pianta possono portare col tempo alla nascita di cancri  e distaccamento della corteccia dal tronco oltre alla morte stessa della branca interessata o di parte dell'albero. 

3) L’eliminazione di tutte le ramificazioni di un albero impedisce anche agli uccelli di creare dei nidi o a mammiferi di trovarvi dimora. L’albero, in pratica, viene a perdere anche la sua funzione fondamentale di “ecosistema”.

4)  La produzione dei numerosi rami in seguito ai drastici interventi di potatura sono il risultato estremo del dispendio energetico delle riserve della pianta, messe subito a disposizione per correre ai ripari su tre fronti fondamentali: carenze nutrizionali per la mancanza di fogliame, la necessità di un immediato schermo solare (col tempo la pianta morirebbe sotto i raggi del sole senza ramificazione) oltre al riequilibrio con le radici (che sono il cervello della pianta). I nuovi germogli esploderanno in una crescita vigorosa ma saranno  molto sottili e delicati, non potranno svilupparsi tutti, seccando o rompendosi al primo vento o alla prima pioggia violenta. I rimanenti nuovi rami emessi dalla pianta per reazione al taglio, inoltre, non sono comunque destinati a durare molto perché verranno tagliati nella seguente potatura o altrimenti lasciando la chioma con un portamento assolutamente innaturale e potenzialmente pericoloso alla stabilità futura dell’albero.

5) La capitozzatura o il taglio drastico della chioma degli alberi viene eseguita spesso anche per ragioni di sicurezza urbana o per ridimensionare gli esemplari troppo ingombranti. In realtà, si ha l'effetto contrario perchè l'albero crescerà a dismisura e male, con una chioma totalmente disordinata e intricata, che può essere sottoposta all'effetto vela di forti venti con pericolo di schianti . In pratica, vengono creati dei "mostri" pericolosi e brutti da vedere che devono essere contenuti ogni anno con nuovi interventi di potatura drastica. 

6) Una potatura drastica obbliga interventi analoghi ogni 3-4 anni per reprimere la vigorosa e innaturale crescita dell'albero e peggiorando sempre di più la situazione. Alla fine ci si ritrova con alberature seriamente compromesse che non hanno più la capacità di produrre ecoservizi e che dovranno essere sostituite con nuovi esemplari con un costo molto alto per le amministrazioni.

7) Il recupero degli alberi sformati da capitozzatura comporta degli interventi di potatura particolarmente laboriosi e costosi che devono ricreare il più possibile la forma naturale dell'albero. 

Una potatura corretta che non va a snaturare la forma dell'albero è molto meno costosa perchè la pianta ogni anno avrà bisogno solo di una ordinaria manutenzione con piccoli interventi di miglioramento e valorizzazione. 

  

 

Capitozzature3

 Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale - Foto di Alberto Colazilli

 

  

 

Capitozzature4

 L'orrenda "mutilazione" di una quercia tramite la capitozzatura. - Foto di Alberto Colazilli

 

 

  

Capitozzature6

 Quercia capitozzata in totale stress vegetativo - Foto di Alberto Colazilli

 

   

 

Capitozzature2

 Quercia capitozzata coperta da una miriade di nuovi germogli, deboli e sottili - Foto di Alberto Colazilli

   

   

Capitozzature5

 L'innaturale forma di una quercia capitozzata, completamente coperta da germogli nel periodo vegetativo. - Foto di Alberto Colazilli

   

 

310521 10150348984711850 862513452 N

 Alberi di Quercus ilex (Leccio) totalmente capitozzati a cui è stata asportata tutta la chioma. - Foto di Alberto Colazilli

 

 

 

Alberi Fiore Capitozzati Cepagatti

 Prunus in fiore capitozzato - Foto di Alberto Colazilli

 

Potare gli alberi in ambiente urbano.

In ambiente urbano gli alberi si trovano in una situazione particolarmente ostile perchè sono costantemente soggetti ad attività antropiche e ridimensionamento del proprio spazio vitale e del suolo in cui crescono. In città gli alberi sono coltivati e la loro aspettativa di vita si dimezza rispetto a quelli che crescono in un bosco o in campagna. Fattori implacabili come l'inquinamento, cantieri, scavi, ampliamenti di edifici ecc... vanno a compromettere la loro salute, la struttura della chioma e le radici. In città l'albero, purtroppo, non avrà mai vita facile. 

La corretta progettazione degli spazi cittadini dovrebbe adeguarsi all'albero rispettandone l'area di pertinenza; in realtà, si continua a fare il contrario, ovvero adeguare gli alberi alle case e ai palazzi, comportando grossi problemi nella gestione del verde pubblico. Su questa problematica c'è ancora molto da fare a livello di comunicazione ed educazione presso gli enti pubblici. Inoltre, tanti studi di progettazione continuano a vedere l'albero come un arredo urbano e non come un essere vivente che ha bisogno del suo spazio vitale per crescere. 

Anche la scelta degli alberi è di fondamentale importanza per ridurre grossi interventi cesori di contenimento, soprattutto in ambienti urbani già costituiti dove la distanza tra spazi verdi ed edifici risulta minima. Per andare incontro a queste esigenze si possono scegliere specie arboree di terza grandezza (altezza minore ai 10 metri in maturità) che possono essere gestite senza troppi problemi. L'albero giusto al posto giusto può risolvere molti problemi di gestione ed evitare anche futuri danneggiamenti ed abbattimenti.

 

1

Errata potatura su alberi di Quercia - Foto di Alberto Colazilli


Superficialità, ignoranza e incompetenza rovinano gli alberi

La proliferazione di ditte con giardinieri improvvisati che sanno solo usare la motosega senza capire e conoscere l'effettivo valore degli alberi è una pestilenza che andrebbe combattuta con forza e decisione. Purtroppo la devastazione è sotto i nostri occhi e molta superficialità e incompetenza contraddistingue gli operatori che hanno solo interesse a far soldi subito e senza impegnarsi più di tanto. Sono ancora pochi gli arboricoltori e i giardinieri paesaggisti che conoscono bene le esigenze dell'albero e che operano con professionalità anche facendo comunicazione ed educazione presso i privati e le amministrazioni pubbliche. I regolamenti del verde pubblico e privato sono di grande importanza per dettare le giuste regole di potatura e gestione degli alberi, ma ancora più importante è la comunicazione mediatica e l'educazione di amministratori e residenti per ridare dignità all'albero e al suo valore ambientale e sociale. 

 

Alberto Colazilli

Paesaggista, curatore di parchi e giardini

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

I migliori alberi anti-inquinamento

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 20

I migliori alberi anti-inquinamento

 

Lo studio sugli alberi anti-inquinamento viene portato avanti con importanti risultati dal CNR-ibimet di Bologna e da vari studi effettuati in ambiente anglosassone. Secondo i ricercatori dell’University of Southampton, i cui studi sono stati pubblicati sulla rivista Landscape and Urban Planning è stato stimato che a Londra gli alberi rimuovono ogni anno tra le 850 e le 2.100 tonnellate di Pm10. Uno studio condotto dai ricercatori americani nel 2010 ha scoperto che gli alberi e le foreste degli Stati Uniti hanno rimosso 17,4 milioni di tonnellate di inquinamento atmosferico con effetti positivi sulla salute umana valutati in 6,8 miliardi di dollari. Tale studio è stato pubblicato sulla rivista Enviromental Pollution

Quello che fa più danni all'apparato respiratorio umano è il Pm2,5, molto più fine e insidioso, contenente particelle di formazione antropogenica tra cui nitrati e solfati. Questo Pm2,5 è ampiamente prodotto in ambiente urbano durante il traffico stradale. Secondo gli esperti della American Forestry Association, il valore complessivo di un albero urbano di 50 anni è di circa 57.000 dollari. Ed è stato studiato come un albero di circa 20 metri di altezza con una chioma di 10 metri x 10 metri nel complesso può assorbire in un anno circa 1000 g di particolato. 

Le principali caratteristiche che rendono un albero  spazzino delle polveri sottili e gas inquinanti risiedono nelle foglie: grandezza degli stomi e presenza di peli (cere e tricomi) che risiedono nella pagina inferiore della foglia. II particolato viene intercettato da quelle superfici fogliari che sono particolarmente rugose e ricche di peli. Una volta trattenuto, il particolato viene poi dilavato dalle piogge. I gas inquinanti vengono invece immagazinati attraverso gli stomi. Più sono numerosi, maggiore è la capacità di purificare l'aria. 

I principali alberi anti-inquinamento che possono essere usati in ambiente urbano sono: bagolaro (Celtis australis), biancospino (Crataegus sp.), tiglio (Tilia cordata e plathyphyllos), platano (Platanus sp.), acero campestre (Acer campestris), acero riccio (Acer platanoides), acero di monte (Acer pseudoplatanus), albero di giuda (Cercis siliquastrum), ontano nero (Alnus glutinosa), gelso nero (Morus nigra), gingko biloba, orniello (Fraxinus ornus), frassino maggiore (Fraxinus excelsior), leccio (Quercus ilex), melo da fiore (Malus "evereste"), mirabolano (Prunus cerasifera), ciliegio selvatico (Prunus avium), sambuco (Sambucus nigra), olmo comune (Ulmus minor), Cerro (Quercus cerris), Liriodendron (Liriodendron tulipifera), Carpino bianco (Carpinus betulus)

 

Alcuni tra i migliori alberi anti-inquinamento 

 

Bagolaro

 Bagolaro (Celtis australis) -  Foto di Alberto Colazilli

 

Biancospino

Biancospino (Crataegus sp.) - Foto Alberto Colazilli

 

 

Tiglio

Tiglio (Tilia sp.) - Foto Alberto Colazilli

 

 

Acero Campestre

Acero campestre (Acer campestris) - Foto Alberto Colazilli

 

 

Frassino Maggiore

Frassino maggiore (Fraxinus excelsior) - Foto Alberto Colazilli

 

 

Gingko

Gingko biloba - Foto di Alberto Colazilli

 

 

Leccio

Leccio (Quercus ilex) - Foto di Alberto Colazilli

 

 

Gelso Nero

Gelso nero (Morus nigra) - Foto Alberto Colazilli

 

 

 

Olmo Comune

Olmo (Ulmus minor) - Foto di Alberto Colazilli

 

 

 

Orniello2

Orniello (Fraxinus ornus) - Foto di Alberto Colazilli

 

 

 

Ontano Nero

Ontano nero (Alnus glutinosa) - Foto di Alberto Colazilli

 

 

Albero Di Giuda

Albero di Giuda (Cercis siliquastrum) - Foto di Alberto Colazilli

 

 

 

Platanus Orientalis

Platano (Platanus sp.) -  Foto di Alberto Colazilli

PinExt
Share

L'albero monumentale, simbolo di pace contro ogni forma di odio e intolleranza

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 3

L'albero monumentale,

simbolo di pace contro ogni forma di odio e intolleranza

 

Grande Albero1scuole

Il grande albero come luogo di aggregazione di pacificazione - Foto di Alberto Colazilli

 

L'albero monumentale è un simbolo di pace e fratellanza contro ogni forma di odio e intolleranza. Con la sua bellezza perfetta  di Cattedrale della Natura e Colonna del Cielo  si erge possente sugli uomini per proteggerli con la sua ombra e nutrirli con i suoi frutti.

Il grande albero è una luminosa e amichevole presenza che riesce a darci ancora speranza in questi tempi oscuri, in un mondo infiammato dal fanatismo e dalla violenza. Il grande monumento verde  dona valore all'esistenza, è fonte di ispirazione per poeti e artisti, è luogo di contemplazione e di alta spiritualità dove il nostro spirito si unisce alla Madre Terra in un'atmosfera panica e romantica. 

I patriarchi verdi, vivendo di pace in una dimensione pacifica, sono capaci di aggregare e di riappacificare gli esseri umani. Spesso non ci rendiamo conto che i grandi alberi sono raffinati maestri e predicatori che ci insegnano prima di tutto la pace e il significato profondo della bellezza; se abbiamo la pazienza di ascoltarli, hanno la capacità di penetrare nel nostro Io più nascosto e ci fanno riflettere sull'esistenza e sul futuro. Non predicano dottrine politiche o fanatismo; la loro è una magistrale lezione sul significato profondo della vita, sul rispetto del Creato e sul rispetto del nostro prossimo che non deve essere sottomesso, emarginato, abbandonato, corrotto e ucciso. L'incontro con un albero monumentale può essere paragonato a quello con un illustre saggio che sa aprirci la mente per farci scoprire nuovi universi prima inesplorati, in un viaggio emozionante ed affascinante alla ricerca del Divino.

 

Grandealbero2scuole

Il grande albero che spezza le energie negative e produce la felicità - Foto di Alberto Colazilli

 

 

Si torna sempre profondamente cambiati da questi incontri con gli alberi sacri, arricchiti di quella sapienza divina che prima  sembrava così misteriosa o irraggiungibile. Si sente la serenità che come un fluido prezioso rinvigorisce il nostro corpo e stimola così tanto il nostro cervello da sprigionare, come in un fiume in piena, l'essenza primaria delle arti, dalla pittura alla poesia fino alla scrittura.  Abbracciare l'albero monumentale ci purifica dall'odio e dalla tensione; la tristezza e la depressione sembrano dileguarsi davanti al grande albero perchè esso è una creatura felice, ma di una felicità pura: assorbe il nostro malessere e lo trasforma in gioia di vivere. 

Contemplare e vivere a contatto con i  Patriarchi della Natura è un alto momento di crescita intellettiva e spirituale. Armonia, bellezza, ammirazione, gioiello del paesaggio, una ricchezza da conservare, memoria storica di un popolo, un vecchio amico a cui stare accanto e che mai ci lascerà soli, un tempio della pace per promuovere la pace, questo è l'albero monumentale. 

 

Alberto Colazilli

Paesaggista curatore di parchi e giardini.   

PinExt
Share

La cura degli alberi. Non basta solo piantarli, bisogna anche curarli nel tempo

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 2

La cura degli alberi

Non basta solo piantarli, bisogna anche curarli nel tempo

 

Ulivo Festalbero

 

Si fa un uso incredibile del termine "piantare" in riferimento agli alberi ma troppo poco si usa invece il termine "curare". Un pò tutti, istituzioni, scuole, comuni e associazioni si vantano di aver piantato tantissimi alberi su terreni incolti, in giardini pubblici e privati ma in pochi hanno il coraggio di andare oltre e  studiare i ben più difficili e dispendiosi lavori di cura e manutenzione delle specie arboree.  

Piantare alberi in certe situazioni rischia di diventare il palcoscenico per mettersi in mostra o per recitare frasi a effetto, un gioco per passare il tempo o per dire che siamo dalla parte del pianeta e della Natura. Ci sono feste dell'albero che corrono il rischio di trasformarsi in comizi per la salvezza del mondo in cui l'albero è il grande protagonista di questa battaglia, peccato che poi, a distanza di qualche mese lo stesso albero è morto e dimenticato perchè nessuno lo ha saputo o voluto curare.  

La messa a dimora degli alberi non può ridursi solo ed esclusivamente a un teatrino dei buoni propositi. Gli alberi non sono oggetti, non devono essere trasformati in cavalli di battaglia per tenere in piedi una ideologia pseudo-ecologista o un attivismo superficiale per farsi pubblicità.  Stiamo interagendo con degli esseri viventi affascinanti e complessi che hanno una dignità e un'importanza fondamentale per la nostra sopravvivenza, che hanno bisogno di molte cure e che non possono essere abbandonati soprattutto nei mesi successivi alla messa a dimora. Le amministrazioni e gli enti dovrebbero rispettare l'albero e approntare immediatamente progetti di manutenzione pensando al futuro. Significa che quando si pianta un albero si deve già immaginare come sarà questo nel futuro prossimo, tra 20-30 anni, dove arriveranno le sue dimensioni, che tipo di manutenzioni effettuare sull'albero in crescita, prevedere gli eventuali interventi fitosanitari e il miglioramento del terreno, le concimazioni, le innaffiature, lo sfalcio delle erbacce ecc.

La messa a dimora di alberi è la realizzazione di un progetto già studiato nei suoi minimi dettagli. Questo tipo di situazione obbliga la partecipazione di esperti paesaggisti, botanici e agronomi che devono conoscere perfettamente le specie arboree e che già sanno come diventeranno nel futuro. Una cattiva progettazione del verde ornamentale è un immane dispendio di denaro pubblico e un schiaffo alla qualità della vita dei cittadini.  

Non basta solo comunicare sui giornali o in tv che sono stati piantati migliaia di alberi, è fondamentale impegnarsi affinchè questi esemplari attecchiscano e possano diventare in futuro una grande foresta. Ciò che conta in questi casi è la qualità del lavoro, la serietà e la passione con cui si curano gli alberi per farli crescere in salute. Sono concetti fondamentali che dovrebbero essere alla base dei progetti del verde di tutte le amministrazioni pubbliche e gli enti.

 

Alberto Colazilli
Paesaggista curatore di parchi e giardini.
Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus.

PinExt
Share

L'ombra degli alberi in città. Una ricchezza che sta perdendo valore.

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 14

 L'ombra degli alberi in città. Una ricchezza che sta perdendo valore.

 

Alberiombra1

 

Estate caldissima in città, temperature che sfiorano i 40 gradi, un  caldo torrido che toglie il respiro e gente che è in cerca costante di qualcosa che di questi tempi diventa preziosa: si chiama "ombra degli alberi". Quante volte ci siamo imbattuti in  quel piacevole fresco che solo gli alberi sanno donarci, quando cerchiamo parcheggio ai piedi un albero oppure quando giriamo a piedi in città nelle ore più calde e ci nascondiamo sotto il  primo grande albero vivendo un momento  di sollievo e  rinascita. Ebbene, l'ombra degli alberi è una ricchezza di inestimabile valore che solo poche amministrazioni pubbliche hanno il coraggio di prendere in seria considerazione.

in Italia, assolata e accaldata nazione al centro del Mediterraneo, non si può assolutamente ignorare il concetto di "ombra" con la copertura arborea proprio in riferimento alle condizione climatiche che geograficamente caratterizzano il nostro territorio. Gli alberi hanno la capacità di utilizzare gran parte dell'energia solare incidente per la traspirazione e la fotosintesi favorendo così l'abbassamento della temperature dell'aria. "L'isola di calore urbana" (Urban Heat Island - UHI), ovvero quell'area della città in cui la temperatura generale è fortemente amplificata dai materiali artificiali, dall'asfalto delle strade e dagli edifici, può essere mitigata attraverso la creazioni di più parchi e aree verdi.

In parchi di grandi dimensioni la temperatura può essere più bassa fino a 3 gradi rispetto alle aree cementificate e una mitigazione del clima urbano è fondamentale anche per aumentare la qualità della vita dei cittadini, migliorando l'aspetto della città, con effetti positivi anche sulle attività produttive e sull'economia, abbattendo drasticamente i livelli di inquinamento atmosferico. L'isola di calore è la principale minaccia nei periodi estivi che provoca l'emergenza sanitaria e la degradazione sociale delle aree cittadine e che spinge poi a utilizzare condizionatori d'aria con grande dispendio di energia elettrica.

In estate in città le temperature dell'aria tendono a mantenersi elevate anche durante le ore serali; le aree verdi, invece, immagazzinano meno energia rispetto alle aree urbane, in quanto il calore viene utiizzato dalle piante per vivere. Grazie all'evapotraspirazione, le piante contribuiscono ad abbassare la temperatura dell'aria e la loro funzione ombreggiante impedisce alla radiazione solare di riversarsi direttamente sui materiali artificiali. Tutto questo impedisce il riscaldamento eccessivo e quindi contribuisce a una minore emissione di energia sottoforma di calore.

In città più sono alti i palazzi più aumenta il cosiddetto "effetto canyon" che contribuisce a peggiorare le condizioni di vita dei cittadini. L'effetto canyon si produce quando l'emissione di calore viene intrappolata nei canyon urbani, tra palazzi, strade e vie con un costante assorbimento di energia da parte dei materiali artificiali che viene poi ceduta sottoforma di altrettanto calore. Senza un'accurata copertura vegetale, questi caldissimi canyon urbani diventano come delle trappole dove diventa difficile vivere. Per migliorare le condizioni ambientali in città si usano anche tetti verdi e giardini verticali che possono contribuire all'abbassamento delle temperature anche dentro gli stessi edifici.

L'ombra degli alberi e la mitigazione del calore urbano non possono essere più argomenti di poco conto in quanto sono alla base della salubrità della città e devono far parte degli interventi primari da svolgere e da finanziare. E' giusto quindi ricordare che quelle amministrazioni pubbliche che hanno la criminale idea di capitozzare gli alberi in città o di abbatterli nei mesi più caldi stanno perpetrando un danno molto grave alla salute dei cittadini.

 

Alberto Colazilli

Paesaggista curatore di parchi e giardini

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Alberi lungo le strade. Una guerra senza esclusione di colpi!

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 3

ALBERI LUNGO LE STRADE

Una guerra senza esclusione di colpi!

 

Pinus Pinea   Cepagatti Pe   Abruzzo

Storico filare di alberi secolari lungo una strada. Foto di Alberto Colazilli. Archivio Co.N.Al.Pa. 2010. 

 

Sono migliaia gli alberi che vengono  decimati sulle strade italiane per ragioni legate alla sicurezza stradale. Gli Alberi diventano subito simboli malefici di incidenti e mostruosi avversari degli automobilisti amanti della velocità che vogliono diventare padroni della strada. Siamo di fronte a una vera e propria “guerra” tra le Amministrazioni pubbliche, gli Enti, gli automobilisti e gli alberi che non hanno più nessuna pace e che vengono fatti a pezzi dalle motoseghe nella stragrande maggioranza dei casi. Basta un sinistro per far cominciare la distruzione in grande stile.

Spesso alla base di questi scempi ambientali c’è una grande ignoranza, una mancanza di educazione ambientale, un senso civico inesistente, un imbarbarimento dei cervelli e una errata lettura (spesso molto, ma molto superficiale) della legislazione vigente in materia stradale.  Scopo di questo articolo è infatti quello di informare il più possibile su come stanno realmente le cose.

 Troppo spesso l’eliminazione degli alberi  fa riferimento  alla famosa e famigerata sentenza della Cassazione n. 17601 del 15 aprile 2010 che ha scatenato un dibattito senza precedenti sulla gestione del verde urbano e sulla strade. La sentenza afferma in pratica che sono fuorilegge tutti gli alberi che non si trovano ad almeno 6 metri dalla carreggiata, con riferimento all’art .26 del Nuovo Codice della Strada. In realtà, come è stato ampiamente e dettagliatamente spiegato da esperti, è stata fatta una interpretazione errata di tale codice che non obbliga assolutamente all’eliminazione delle alberature stradale presistenti ma il regolamento di attuazione è riferito alla messa a dimora di alberi su nuove strade in corso d’opera.

Come recita il comma 6 dell’art.26 del Codice della Strada “ La distanza dal confine stradale, fuori dai centri abitati, da rispettare per impiantare alberi lateralmente alla strada, non può essere inferiore alla massima altezza raggiungibile per ciascun tipo di essenza a completamento del ciclo vegetativo e comunque non inferiore a 6 m.”

In data 1 giugno 2011,  a seguito della interrogazione parlamentare n.4-04511  relativa agli abbattimenti di alberi lungo le più suggestive strade italiane, il  Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha voluto chiarire la sua posizione  in merito a questa situazione. Nella risposta si sottolinea che “la sentenza, riferendosi ad un singolo caso concreto, sembrerebbe non costituire enunciazione di principio generale” Di fatto, secondo il Ministro, la Corte suprema ha interpretato le prescrizione contenute nell’articolo 26, comma 6 del regolamento di attuazione ed esecuzione del codice della strada come applicabili anche per gli alberi già impiantati lateralmente alle strade, al momento dell’entrata in vigore del codice della strada. Il Ministero conclude che il problema delle alberature stradali “ si riduce, per così dire, a definire il regime temporale della disposizione”. Il ministero di fatto risponde che gli alberi preesistenti possono rimanere ma non è possibile ripiantarne di nuovi  “Pertanto, ad avviso del Ministero, gli alberi impiantati prima dell'entrata in vigore del codice della strada, nelle fasce di rispetto ad una distanza inferiore ai 6 metri, non devono essere rimossi, né si deve provvedere alla rimozione degli alberi già impiantati lateralmente alla strada nella fascia di pertinenza. Ciò non toglie che gli alberi debbano essere adeguatamente protetti, così come tutti gli altri elementi, quali costruzioni, muri, pali e sostegni, potenzialmente pericolosi per gli utenti della strada, presenti sia nella fascia di pertinenza che in quella di rispetto.”

Nella circolare del Ministero dei Trasporti in data  10/06/2011, Prot. 3224 e OGGETTO: Richiesta di parere D. Lgs. 285/92 art. 14 - Alberi ubicati nelle pertinenze stradali si sottolinea che Con riferimento al quesito in oggetto, si fa presente che la sentenza emessa dalla Suprema Corte di Cassazione del 07.05.2010, n. 17601 sembra comunque riferirsi al singolo caso concreto, non costituendo enunciazione di principio generale.

La circolare del ministero continua che: Tale lettura dell'art. 26 porterebbe a dire che gli alberi già impiantati prima dell'entrata in vigore del Codice della Strada, anche se non rispettassero la disposizione del c. 6 dell' art. 26, ovvero la distanza minima dal confine stradale di 6 metri, non sarebbero comunque "fuorilegge", poiché la norma impedisce di impiantare nuovi alberi ma non obbliga la rimozione di quelli esistenti. Pertanto, ad avviso dello scrivente Ufficio, gli alberi già impiantati, prima dell'entrata in vigore del Codice della Strada, lateralmente alla carreggiata nella fascia di pertinenza ad una distanza minore di quella prevista dall' art. 26 c. 6 del Regolamento possono non essere rimossi. Ciò non toglie che gli alberi debbano essere adeguatamente protetti, così come tutti gli altri elementi, quali costruzioni, muri, pali e sostegni, potenzialmente pericolosi per gli utenti della strada, presenti sia nella fascia di pertinenza che in quella di rispetto” Il Ministero specifica pure che bisogna procedere a l'installazione di dispositivi di ritenuta a protezione di ostacoli posti a bordo strada e/o prescrivendo una velocità di marcia ridotta.”

Bisogna fare molta attenzione a questa circolare del Ministero dei Trasporti che non obbliga affatto l’abbattimento degli alberi pericolosi ma neanche prende posizione a favore di essi, lasciando il caso nelle mani degli Enti preposti e dei Comuni. C’è una bella differenza tra il “non devo essere” e il “possono non essere” rimossi. Come al solito, la confusione tutta italiana delle leggi non fa che rendere il problema sempre più complicato aprendo nuovi scenari di scontro e di critica. Questa non presa di posizione netta contro l’albericidio sulle strade lascia ai Comuni la scelta di eliminare oppure no gli alberi che possono essere ritenuti pericolosi. E basta proprio nulla per trasformarli “alberi della morte”!

In data 15-07-2011 il Dott. Giovanni Losavio, già Presidente di Corte di Cassazione e Presidente della sezione di Modena di Italia Nostra scrive in una nota:

“Si deve subito osservare che la sentenza è fondata su un palese (agevolmente riconoscibile) fraintendimento di lettura della disciplina del Codice della Strada (articoli 3 e 16) e del relativo regolamento di esecuzione (articolo 26) che detta prescrizioni, non già per l’assetto delle aree di proprietà stradale (né in particolare per le fasce di pertinenza e cioè per le strisce di terreno comprese tra la carreggiata ed il confine stradale), ma per le fasce di rispetto esterne al confine stradale, ponendo “vincoli alla realizzazione, da parte dei proprietari del terreno, di costruzioni, recinzioni, piantagioni , depositi e simili”.” Sempre secondo il dott. Losavio ““E’ certo per altro che le strade pubbliche, con le relative pertinenze, se aperte da oltre cinquant’anni (settanta, secondo la legge di conversione del decreto – sviluppo), siano assoggettate alla tutela a norma dell’articolo 10 comma 1, del Codice dei beni culturali. Le alberature marginali, come pertinenze delle strade pubbliche, hanno dunque la protezione del consecutivo articolo 12 e solo su autorizzazione delle Soprintendenze potrebbero essere abbattute.”

E’ importante anche specificare quando sia importante la gestione delle alberature in prossimità delle strade per evitare eventi franosi come si nota nell’art. 31 comma 1 del Codice della Strada.

“.I proprietari devono mantenere le ripe dei fondi laterali alle strade, sia a valle che a monte delle medesime, in stato tale da impedire franamenti o cedimenti del corpo stradale, ivi comprese le opere di sostegno di cui all’art. 30, lo scoscendimento del terreno, l’ingombro delle pertinenze e della sede stradale in modo da prevenire la caduta di massi o di altro materiale sulla strada. Devono altresì realizzare, ove occorrono, le necessarie opere di mantenimento ed evitare di eseguire interventi che possono causare i predetti eventi.”

Per quanto riguarda l’attuale legislazione di tutela degli alberi e dei filari secolari anche lungo le strade si deve fare riferimento alla  Legge 14 gennaio 2013 , n. 10  e in particolare all’art.7 - Disposizioni per la tutela e la salvaguardia degli alberi monumentali, dei filari e delle alberate di particolare pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale. Al comma b sono oggetto di protezione “i filari e le alberate di particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico e culturale, ivi compresi quelli inseriti nei centri urbani”.

Le singole Regioni hanno poi proprie leggi regionali in merito alla tutela degli alberi monumentali e del patrimonio arboreo  e boschivo.

Abbattere gli alberi sulle strade comporta un aumento esponenziale delle polveri sottili che vengono trattenute e assorbite dai vegetali e che sono altamente nocive per la nostra salute. Si va a compromettere così quella formidabile mitigazione dell’inquinamento sia atmosferico che acustico che è alla base della qualità della vita di intere comunità.

Nei paesi d’Oltralpe si fanno da anni studi interessanti sulle alberature stradali capaci di aumentare l’attenzione dei guidatori ed abbassare il livello di velocità.   Le ricerche sono state svolte principalmente in Gran Bretagna in cui si è voluto dimostrare come la presenza di alti alberi lungo la carreggiata sia un ottimo deterrente per limitare la velocità. Questo esperimento si è svolto a Norfolk posizionando lungo le strade fuori la città dei tronchi in modo da creare un effetto visivo in cui la visuale sembra restringersi. Questo esperimento ha dimostrato come l’illusione ottica di una strada più stretta porti a un maggiore livello di attenzione degli automobilisti che si sentono così obbligati a rallentare alle porte di un centro cittadino. Anche l’illusione dell’intensificarsi crescente del numero di alberi, grazie all’illusione ottica esercitata dalla visibilità e dall’alternarsi di luci e ombre, comporterebbe a un alleggerimento considerevole della forza esercitata sull’acceleratore.

Dunque, per concludere, gli alberi lungo le strade sono un patrimonio storico e naturalistico di notevole valore, che appartiene e a tutti i cittadini e non a singoli individui, che abbiamo il dovere assoluto di proteggere dalla follia, dall’ignoranza e dalla superficialità di certi Amministratori pubblici. E' necessaria la “buona informazione” sul valore degli alberi; bisogna estirpare la “moda malata” dell’ “Albero killer” o dell’ “albero della Morte” che purtroppo viene promossa con altrettanta, troppa, superficialità con la complicità di tantissimi giornalisti e di molte televisioni. E’ una cattiva informazione che provoca seri problemi al territorio e che deforma la realtà. L’albero non è simbolo di morte, ma anzi è un ecosistema straordinario che produce ossigeno e  frutti per la sopravvivenza della vita sulla Terra. 

 

Alberto Colazilli

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio ONLUS

PinExt
Share

Chi elimina gli alberi. Ovvero i distruttori di ossigeno.

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 6

I Distruttori di Ossigeno 

Ci sono nuovi nemici dell'Umanità: quelli che eliminano gli alberi impedendoci di respirare!

  

20

Il taglio di alberi sani e in ottimo stato di salute è solo un danno per la città e per i suoi abitanti.

(foto Alberto Colazilli - Archivio Co.N.Al.Pa. 2013)


C'è un nuovo  nemico per l'Umanità e per la sopravvivenza della vita sulla Terra: si chiama "Distruttore di Ossigeno", un minaccioso personaggio finanziato e appoggiato da quelle lobby politico-economiche che hanno dichiarato guerra agli alberi e alle foreste in tutto il mondo e nelle nostre città.   I distruttori di ossigeno esistono, ce li abbiamo sotto casa, siedono spesso ai "piani alti" e hanno ruoli importanti e decisionali nella pubblica amministrazione. Il lavoro sporco loro non lo fanno mai, anzi lo delegano all'esercito di operai armati di motosega e cestelli e che devono eseguire il lavoro a regola d'arte, nel più breve tempo possibile, eliminando anche la scena del delitto! 

A scuola ci hanno insegnato che l'albero è uno straordinario essere vivente capace di produrre Ossigeno attraverso la Fotosintesi clorofiliana, un complesso ma importante meccanismo per trasformare CO2 in zuccheri essenziali per generare ecosistemi. Durante la fotosintesi, grazie alla luce solare e grazie alla clorofilla, sostanza presente nelle foglie, vengono convertiti Carbonio, Idrogeno e Ossigeno in zuccheri e amidi, sostanze nutritive utili per la vita della pianta. Come sottoprodotto della reazione si produce Ossigeno che la pianta libera nell'atmosfera. Le piante, dunqiue, sono organismi di un'importanza incredibile per far vivere meglio noi esseri umani; purtroppo questo messaggio viene ancora relegato in secondo piano, come qualcosa di poco importante o da snobbare a priori.

Senza gli alberi tutto crolla, tutto muore, tutto diventa difficile e desolante. Lo dicono gli indiani d'America, lo dicono le popolazioni indios delle foreste equatoriali, ce ne stiamo accorgendo noi tutti (tra mille polemiche e problemi)  nelle nostre difficili città italiane dove i boschi in città diventano fondamentali mitigatori del clima e formidabili combattenti contro l'inquinamento.

Sono sempre tantissime le Amministrazioni pubbliche che vedono l'albero come un problema serio da eliminare, nella maggior parte dei casi per il bene dei cittadini stessi! Alberi abbattuti, alberi capitozzati selvaggiamente, alberi che danno fastidio, alberi che uccidono, alberi come minaccia di automobilisti. Nelle città la vita degli alberi è sempre limitata, sottoposta al temibile giudizio dei progettisti, al taglio indiscriminato delle radici, alle mutilazioni delle chiome perchè sporcano o danno fastidio a abitazioni. e autovetture.   Abbattere un grande albero di pregio, in ottime condizioni di salute e al massimo del vigore vegetativo, porta all'eliminazione in un sol colpo un essere vivente produttore di ossigeno e mitigatore dell'aria malsana.  Capitozzarlo provoca gli stessi problemi perchè si va a fermare il processo di fotosintesi clorofiliana. 

Quando vediamo quelle foto di grandi alberi abbattuti, fatti a pezzi, quando li vediamo capitozzati in Aprile o Maggio con la devastazione di una chioma lussureggiante, accanto all'indignazione e alla rabbia dobbiamo farci un attento esame di coscienza e capire che ci stanno togliendo le basi essenziali della vita sulla Terra! Ogni albero che viene massacrato significa sempre meno vita, sempre meno ossigeno che verrà prodotto, sempre meno aria purificata,   sempre meno ombra durante le giornate caldissime dell'estate.

Combattere i Distruttori di Ossigeno si può: con la giusta comunicazione ai massimi livelli, con l'educazione ambientale nelle scuole, facendo capire ai ragazzi la notevole importanza degli alberi ed eliminando una volta per tutto l'errato pregiudizio dell'albero pericoloso o dell'albero assassino. Un lavoro minuzioso, fatto di sacrifici, di durissime battaglie mediatiche e non solo, che va fatto obbligatoriamente per preservare la vita sulla Terra.  

 

Alberto Colazilli

Paesaggista curatore di parchi e giardini

Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus

PinExt
Share

Alberi e codice civile

Valutazione attuale: Rating StarRating StarRating StarRating StarRating Star / 7

Gli alberi e il Codice Civile.


Art. 892 - Distanze per gli alberi

Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali. Se gli uni e gli altri non dispongono, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine:

1) tre metri per gli alberi di alto fusto. Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili;

2) un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto. Sono reputati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;

3) mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.

La distanza deve essere però di un metro, qualora le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo, e di due metri per le siepi di robinie. La distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell'albero nel tempo della piantagione, o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina. Le distanze anzidette non si devono osservare se sul confine esiste un muro divisorio, proprio o comune, purché le piante siano tenute ad altezza che non ecceda la sommità del muro.

 

Art. 893 - Alberi presso strade, canali e sul confine di boschi

Per gli alberi che nascono o si piantano nei boschi, sul confine con terreni non boschivi, o lungo le strade o le sponde dei canali, si osservano, trattandosi di boschi, canali e strade di proprietà privata, i regolamenti e, in mancanza, gli usi locali. Se gli uni e gli altri non dispongono, si osservano le distanze prescritte dall'articolo precedente.

 

Art. 894 - Alberi a distanza non legale

Il vicino può esigere che si estirpino gli alberi e le siepi che sono piantati o nascono a distanza minore di quelle indicate dagli articoli precedenti.

 

Art. 895 - Divieto di ripiantare alberi a distanza non legale

Se si è acquistato il diritto di tenere alberi a distanza minore di quelle sopra indicate, e l'albero muore o viene reciso o abbattuto, il vicino non può sostituirlo, se non osservando la distanza legale. La disposizione non si applica quando gli alberi fanno parte di un filare situato lungo il confine.

 

Art. 896 - Taglio di rami protesi e di radici

Quegli sul cui fondo si protendono i rami degli alberi del vicino può in qualunque tempo costringerlo a tagliarli, e può egli stesso tagliare le radici che si addentrano nel suo fondo, salvi però in ambedue i casi i regolamenti e gli usi locali. Se gli usi locali non dispongono diversamente, i frutti naturalmente caduti dai rami protesi sul fondo del vicino appartengono al proprietario del fondo su cui sono caduti. Se a norma degli usi locali i frutti appartengono al proprietario dell'albero, per la raccolta di essi si applica il disposto dell'articolo 843.

 

Art. 896 bis. - (1) Distanze minime per gli apiari

Gli apiari devono essere collocati a non meno di dieci metri da strade di pubblico transito e a non meno di cinque metri dai confini di proprietà pubbliche o private. Il rispetto delle distanze di cui al primo comma non è obbligatorio se tra l'apiario e i luoghi ivi indicati esistono dislivelli di almeno due metri o se sono interposti, senza soluzioni di continuità, muri, siepi o altri ripari idonei a non consentire il passaggio delle api. Tali ripari devono avere una altezza di almeno due metri. Sono comunque fatti salvi gli accordi tra le parti interessate. Nel caso di accertata presenza di impianti industriali saccariferi, gli apiari devono rispettare una distanza minima di un chilometro dai suddetti luoghi di produzione.

(1) Articolo inserito dalla Legge 24 dicembre 2004, n. 313.

 

Art.897 - Comunione di fossi

Ogni fosso interposto tra due fondi si presume comune. Si presume che il fosso appartenga al proprietario che se ne serve per gli scoli delle sue terre, o al proprietario del fondo dalla cui parte è il getto della terra o lo spurgo ammucchiatovi da almeno tre anni. Se uno o più di tali segni sono da una parte e uno o più dalla parte opposta, il fosso si presume comune.

 

Art. 898 - Comunione di siepi

Ogni siepe tra due fondi si presume comune ed è mantenuta a spese comuni, salvo che vi sia termine di confine o altra prova in contrario. Se uno solo dei fondi è recinto, si presume che la siepe appartenga al proprietario del fondo recinto, ovvero di quello dalla cui parte si trova la siepe stessa in relazione ai termini di confine esistenti.

 

Art. 899 - Comunione di alberi

Gli alberi sorgenti nella siepe sono comuni.
Gli alberi sorgenti sulla linea di confine si presumono comuni, salvo titolo o prova in contrario.
Gli alberi che servono di limite o che si trovano nella siepe comune non possono essere tagliati, se non di comune consenso o dopo che l'autorità giudiziaria abbia riconosciuto la necessità o la convenienza del taglio.

PinExt
Share

NEWS dal Popolo degli alberi e dei giardini (2)

Written on 28/11/2016, 19:00 by admin
i-danni-da-decespugliatore-su-alberi-e-arbustiI danni da decespugliatore su alberi e arbusti    Danni da decespugliatore su Corbezzolo - Foto Colazilli   Un argomento che è poco dibattuto ma che ha un'importanza rilevante quello dei danni da decespugliatore su alberi e arbusti. Quante volte abbiamo visto nei parchi e giardini giovani alberi o arbusti che hanno delle profonde cicatrici nel colletto o delle ferite ancora fresche da scortecciamento da corda di decespugliatore. Si tratta di un problema dilagante che è...
Written on 15/11/2016, 21:06 by admin
alberi-e-giardini-incrementano-il-valore-economico-degli-immobiliAlberi e giardini incrementano il valore economico degli immobili     Il verde ornamentale incrementa notevolmente il valore degli immobili - Foto Colazilli Innumerevoli sono i benefici per i cittadini e per la società  forniti da foreste e parchi in ambiente urbano che, d’altro canto, contribuiscono anche a migliorare la qualità della vita e a produrre notevole ricchezza... L’albero è un bene materiale con  un valore economico quantificabile in base ai suoi  ecoservizi:...
Written on 10/04/2016, 11:21 by admin
alberofobia-il-dossier-degli-orroriALBEROFOBIA! Il dossier degli orrori (Attenzione! Le foto pubblicate potrebbero creare turbamento e ansia!)     Alberi selvaggiamente capitozzati - Foto di Alberto Colazilli   La tortura degli alberi sta diventando un problema con implicazioni sociali ed economiche che affligge molte città italiane con danni spesso gravi al patrimonio pubblico e privato. In tante parti, giardini pubblici o privati, ci imbattiamo in squadre di incompetenti armati di motosega che si...
Written on 15/02/2016, 13:32 by admin
le-principali-regole-per-la-corretta-potatura-degli-alberiLe principali regole per la corretta potatura degli alberi      Esemplare di Quercia con una chioma ancora allo stato naturale - Foto di Alberto Colazilli La potatura deve migliorare l'albero La potatura è un'operazione molto seria che svolge un ruolo fondamentale nella corretta gestione degli alberi. E' un'arte a tutti gli effetti che implica un fattore molto importante: l'osservazione e lo studio dell'albero in tutte le sue particolarità. Per molte amministrazioni...
Written on 06/01/2016, 19:33 by admin
i-migliori-alberi-anti-inquinamentoI migliori alberi anti-inquinamento   Lo studio sugli alberi anti-inquinamento viene portato avanti con importanti risultati dal CNR-ibimet di Bologna e da vari studi effettuati in ambiente anglosassone. Secondo i ricercatori dell’University of Southampton, i cui studi sono stati pubblicati sulla rivista Landscape and Urban Planning è stato stimato che a Londra gli alberi rimuovono ogni anno tra le 850 e le 2.100 tonnellate di Pm10. Uno studio condotto dai ricercatori americani...
Written on 21/11/2015, 16:44 by admin
l-albero-monumentale-simbolo-di-pace-contro-ogni-forma-di-odio-e-intolleranzaL'albero monumentale, simbolo di pace contro ogni forma di odio e intolleranza   Il grande albero come luogo di aggregazione di pacificazione - Foto di Alberto Colazilli   L'albero monumentale è un simbolo di pace e fratellanza contro ogni forma di odio e intolleranza. Con la sua bellezza perfetta  di Cattedrale della Natura e Colonna del Cielo  si erge possente sugli uomini per proteggerli con la sua ombra e nutrirli con i suoi frutti. Il grande albero è una luminosa e...
Written on 20/11/2015, 19:54 by admin
la-cura-degli-alberi-non-basta-solo-piantarli-bisogna-anche-curarli-nel-tempoLa cura degli alberi Non basta solo piantarli, bisogna anche curarli nel tempo     Si fa un uso incredibile del termine "piantare" in riferimento agli alberi ma troppo poco si usa invece il termine "curare". Un pò tutti, istituzioni, scuole, comuni e associazioni si vantano di aver piantato tantissimi alberi su terreni incolti, in giardini pubblici e privati ma in pochi hanno il coraggio di andare oltre e  studiare i ben più difficili e dispendiosi lavori di cura e...
Written on 05/08/2015, 02:44 by admin
l-ombra-degli-alberi-in-citta-una-ricchezza-che-rischia-di-perdere-valore L'ombra degli alberi in città. Una ricchezza che sta perdendo valore.     Estate caldissima in città, temperature che sfiorano i 40 gradi, un  caldo torrido che toglie il respiro e gente che è in cerca costante di qualcosa che di questi tempi diventa preziosa: si chiama "ombra degli alberi". Quante volte ci siamo imbattuti in  quel piacevole fresco che solo gli alberi sanno donarci, quando cerchiamo parcheggio ai piedi un albero oppure quando giriamo a piedi in città nelle...
Written on 20/11/2014, 21:55 by admin
la-moda-dell-albero-della-morte-quando-la-cattiva-informazione-uccide-gli-alberiLa moda dell’ “ALBERO DELLA MORTE” Quando la cattiva informazione uccide gli alberi         La cattiva informazione è alla base dei peggiori scempi contro gli alberi in città e sulle strade ed è la principale causa della dilagante fobia verso questi poveri esseri viventi. Accade spesso su certi  giornali e in alcuni tg di ritrovarsi davanti a una sconsiderata esaltazione dell’”albero che uccide” o dell’ “albero della morte”. Siamo bersagliati da una informazione...
Written on 17/11/2014, 22:17 by admin
alberi-lungo-le-stradeALBERI LUNGO LE STRADE Una guerra senza esclusione di colpi!   Storico filare di alberi secolari lungo una strada. Foto di Alberto Colazilli. Archivio Co.N.Al.Pa. 2010.    Sono migliaia gli alberi che vengono  decimati sulle strade italiane per ragioni legate alla sicurezza stradale. Gli Alberi diventano subito simboli malefici di incidenti e mostruosi avversari degli automobilisti amanti della velocità che vogliono diventare padroni della strada. Siamo di fronte a una...
Written on 26/05/2014, 13:11 by admin
chi-elimina-gli-alberi-ovvero-i-distruttori-di-ossigenoI Distruttori di Ossigeno  Ci sono nuovi nemici dell'Umanità: quelli che eliminano gli alberi impedendoci di respirare!    Il taglio di alberi sani e in ottimo stato di salute è solo un danno per la città e per i suoi abitanti. (foto Alberto Colazilli - Archivio Co.N.Al.Pa. 2013) C'è un nuovo  nemico per l'Umanità e per la sopravvivenza della vita sulla Terra: si chiama "Distruttore di Ossigeno", un minaccioso personaggio finanziato e appoggiato da quelle lobby...
Written on 01/01/2014, 22:16 by admin
piantare-alberi-uno-sport-che-fa-bene-alla-natura-e-alla-societaPiantare alberi. Uno sport che fa bene alla Natura e alla società.   Giovane piantina di Bagolaro appena piantata - foto di Alberto Colazilli   Un pò tutti conosciamo il libro "L'uomo che piantava gli alberi" di Jean Giono, dove Elzéard Bouffier, un solitario pastore del sud della Francia riesce a creare una foresta con la sola forza delle braccia e con la sua passione incrollabile. Ognuno di noi, nel proprio piccolo dovrebbe comportarsi così per rendere più verdi le...
Written on 07/12/2013, 01:03 by admin
a-chi-fa-paura-l-albero-la-fobia-malsana-e-dilagante-dell-albero-killer-di-alberto-colazilliA CHI FA PAURA L'ALBERO? La fobia malsana e dilagante dell'"albero killer"   Un pino domestico crollato al suolo per colpa del maltempo -  foto Alberto Colazilli (Archivio Co.n.al.pa.)   Roma, 1 dicembre 2013. Una tempesta di vento fa crollare un imponente Pinus pinea sulla Cristoforo Colombo che schiaccia un povero motociclista di passaggio. Torna la polemica degli "alberi killer" che uccidono senza pietà inermi cittadini di passaggio! Un precedente nel 2009 quando morì...
Written on 20/11/2013, 21:20 by admin
Gli alberi e il Codice Civile. Art. 892 - Distanze per gli alberi Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali. Se gli uni e gli altri non dispongono, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine: 1) tre metri per gli alberi di alto fusto. Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono...
Written on 20/11/2013, 19:55 by admin
Come evitare l'abbattimento degli alberi Cittadinanza attiva a favore del verde   La questione dell'abbattimento degli alberi è particolarmente complessa ed è sempre in allerta soprattutto nelle grandi città. Spesso tantissimi cittadini amanti del verde si trovano in difficoltà perchè non conoscono le principali leggi o normative o non sanno come muoversi per impedire il più possibile eventuali scempi contro il patrimonio arboreo della città. Con questo articolo, il...
Written on 05/05/2013, 22:40 by admin
gli-abitanti-degli-alberiFAUNA  TRA  GLI  ALBERI         Cardellino - Foto Francesco D'Addazio       Cinciallegra - Foto Francesco D'Addazio         Frosone - Foto Francesco D'Addazio       Ghiandaia - Foto Francesco D'Addazio       Passero d'Italia - Foto Francesco D'Addazio       Picchio verde - Foto Francesco D'Addazio       Scoiattolo comune - Foto Francesco D'Addazio       Tortora selvatica - Foto Francesco D'Addazio       Upupa - Foto Francesco...
Written on 05/05/2013, 22:39 by admin
le-cause-della-caduta-di-un-alberoLe principali cause della caduta di un albero      Pino crollato - Foto di Alberto Colazilli   Perchè l'albero cade: cause naturali e cause antropiche.     Troppo spesso si "demonizza" l'albero come pericolo pubblico, si fanno inutili discussioni sulle specie da inserire in città, se i grandi alberi siano pericolosi o se siano meglio arbusti e alberelli piccoli ecc... ma pochissime sono  le amministrazioni pubbliche che fanno un discorso serio sulla manutenzione delle...
Written on 05/05/2013, 22:37 by admin
l-importanza-dell-alberoL'ALBERO  COME  ECOSISTEMA La casa di tutti gli esseri viventi Non può esserci una civiltà dell'ambiente quando manca la civiltà dell'albero   Grande quercia in provincia di Pescara (Abruzzo) - Foto di Alberto Colazilli     "Ciò che io so della Scienza divinae delle Sacre Scritturel'ho imparato nei boschi e nei campi.I miei maestri sono stati i faggi e le querce,non ne ho avuti altri.Tu imparerai più nei boschi che nei libri.Alberi e pietre ti insegnerannopiù di quanto...

GIARDINI D'ITALIA TRA STORIA, TUTELA, ARCHITETTURA E ARTE DEL GIARDINO

 

Cascatativoli1

 

Alla scoperta dei parchi e giardini d'Italia  attraverso la storia, l'architettura e l'arte dei giardini,  per conoscerne le particolarità, le meraviglie, le problematiche, i progetti di tutela e valorizzazione. 

L'IMPORTANZA DEGLI ALBERI

Ecologia, tutela e valorizzazione

 

Casertaparco1web 

Rubrica dedicata all'importanza naturalistica ed ecologica degli alberi 

PAESAGGI CULTURALI

 

Img 1250traboccoweb

 

Scoprire il valore storico e culturale di alcuni famosi paesaggi italiani che sono stati resi celebri da artisti e da grandi scrittori e viaggiatori

Area riservata utenti

Registrati al sito per accedere all'Area Riservata e alla Biblioteca del Co.N.Al.Pa. Onlus

Norme sul Copyright

Il materiale contenuto in questo sito, incluse fotografie, immagini, illustrazioni e testi, e’ protetto da copyright, trademarks e/o altri diritti di proprieta’ intellettuale (appartengono all'associazione Conalpa). Il sito nel suo complesso e’ protetto da copyright e da altri diritti di proprieta’ intellettuale. Tutti i diritti sono riservati.

I contenuti delle pagine del sito non possono essere replicati, neanche parzialmente, su altri siti web, mailing list, newsletter, riviste cartacee e CD-ROM senza la preventiva autorizzazione dell'associazione Conalpa, indipendentemente dalle finalita’ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto, e si ritiene accettata soltanto con un preciso assenso per iscritto. Il silenzio non da’ luogo ad alcuna autorizzazione.

E' consentita la citazione a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purchè sia accompagnata dal nome dell'associazione Conalpa e dall'indicazione della fonte compreso URL www.conalpa.it

ALBERI E GIARDINI NELL'ARTE

   

Turner Golden Bough1834web

  

La rubrica vuole far scoprire gli alberi e i giardini attraverso la loro rappresentazione nelle opere d'arte, con particolare riferimento alle scuole di pittori e ai grandi artisti che hanno costellato la storia dell'arte e l'evoluzione dei giardini. 

Dona il tuo 5x1000 a Co.N.Al.Pa.

Conalpa Onlus Logo Web

Con la Dichiarazione dei redditi puoi sostenere il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus. Per farlo, indica nell’apposito spazio della Dichiarazione

il Codice Fiscale della nostra associazione: 

91112670681

La rivista "Fratello Albero"

sfogliabile on-line

 

Fronte1

 

Numero 8 

SPECIALE

PRIMAVERA - ESTATE

2017

 

La rivista ufficiale del Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio ONLUS.

Storia, arte, natura, cultura sui grandi alberi, sui giardini e sul paesaggio.

PER POTER SCARICARE TUTTI I NUMERI DELLA RIVISTA

REGISTRATI AL SITO DEL CONALPA

Iscriviti newsletter Co.N.Al.Pa.

Inserisci nome utente e indirizzo E-mail per ricevere le NEWSLETTERS dal sito CO.N.AL.PA. Non riceverai alcuna informazione di carattere commerciale ma solo articoli su alberi, paesaggio e ambiente in generale
Privacy e Termini di Utilizzo

Presentazione libro:

"L'importanza degli Alberi e del Bosco"

 

Presentazione Libro Copertine

 

Il libro "L'importanza degli alberi e del bosco" è un'opera monumentale in due volumi tutta dedicata ai grandi alberi, alle foreste, alla bellezza del paesaggio a cui hanno partecipato illustri esperti di fama internazionale. Opera curata da Kevin Cianfaglione e Vincenzo Di Martino, richiesta dall'Università di Camerino, dal CEA "Renzo Videsott" Riserva Statale Montagna di Torricchio e dalle Associazioni Smilax Onlus e Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio.

Sostieni il CONALPA Onlus

BANNER SITO ISCRIZIONI E DONAZIONI

Iscriviti a CONALPA
Pixel
Pixel

Coordinamento Nazionale per gli Alberi e il Paesaggio ONLUS

Popolo degli Alberi e dei Giardini

Sede legale: Via Pretara 24, 65014 Loreto Aprutino (PE)

E-mail: alberiepaesaggio@gmail.com. Mobile: 3291521643

Copyright © 2015. All Rights Reserved. Designed by Co.N.Al.Pa. Onlus


DONA IL TUO 5 X 1000 A FAVORE DEGLI ALBERI E DEI GIARDINI: C.F. 91112670681

PER DONAZIONI A FAVORE DEGLI ALBERI E DEI GIARDINI:

IBAN: IT 59 V 06245 77320 CC0310050637